Prestiti: cosa significa affidabilità creditizia?

43
cattivo pagatore

Con il termine affidabilità creditizia si intende la capacità, da parte del richiedente, di rimborsare un prestito nei termini previsti dal contratto. La stima di questa capacità viene fatta direttamente dalla banca o dalla società finanziaria che eroga il credito durante la cosiddetta fase istruttoria. Sulla base del risultato della valutazione, l’istituto di credito deciderà poi in tutta autonomia se concedere o meno il finanziamento.

Per delineare l’affidabilità creditizia di un cliente, la banca o la finanziaria valuta diversi aspetti legati alla sua situazione personale e al suo trascorso finanziario. Tra gli elementi che pesano di più nella determinazione dell’affidabilità di chi chiede un prestito, vi sono senza ombra di dubbio la condizione lavorativa, l’età, il livello di indebitamento e la puntualità con la quale il potenziale cliente ha rimborsato i prestiti contratti in precedenza.

Nella fase di istruttoria, insomma, la banca o la finanziaria non fa altro che definire il profilo creditizio del cliente, anche ricorrendo alle informazioni contenute nella Centrale Rischi (se il debitore ha pagato in ritardo una o più rate dei prestiti, o se si è ritrovato a non pagare per un lungo periodo di tempo i suoi debiti, viene segnalato all’interno della Centrale con tanto di iscrizione del suo nominativo nell’elenco dei cattivi pagatori).

I migliori conti correnti online:

Conto corrente online CheBanca!

Conto corrente online WiDiBa

Conto corrente online HelloBank!

Conto corrente online Cariparma

Conto corrente online Fineco

Conto corrente online UniCredit