Lavoro e sgravi contributivi: gli interventi della manovra funzioneranno?

lavoro
Hello Next 300x250

Il lavoro resta sempre al centro di ogni di dibattito ed è sempre il perno su cui girano molte problematiche economiche che attanagliano il nostro paese. Anpal ha diffuso il suo ultimo rapporto su Garanzia Giovani il quale è si inserisce nella discussione in corso sulla Legge di Bilancio.

In questo scenario complesso e spesso confuso, si inseriscono i provvedimenti della Legge di Bilancio. Il principale è quello che prevede una decontribuzione al 50% per l’assunzione con contratto a tempo indeterminato dei giovani fino ai 35 anni (30 dall’anno successivo). Contributo che viene esteso al 100% alle regioni del Sud, notoriamente più vulnerabili al fenomeno della disoccupazione selvaggia.

Image Banner 300 x 250

Parliamo di una misura adottata dal governo per riequilibrare la situazione negativa nei confronti dei giovani che si è verificata al seguito della scorsa decontribuzione triennale, che è andata soprattutto a premiare i lavoratori più maturi. Ma posto che un intervento in favore dei giovani sia oggi fondamentale, le recenti misure simili hanno mostrato come gli effetti si esauriscano presto, non appena il vantaggio fiscale viene meno. Dopo aver usufruito degli sgravi, infatti, parecchi imprenditori tendono a mandare via il nuovo assunto.

Quindi occorre riflettere sulla coerenza, perché difficilmente ci potranno essere assunzioni incentivate se, in parallelo, proprio grazie a Garanzia Giovani, resta possibile attivare a basso costo tirocini di un anno per attività lavorative vere e proprie, come documentano le offerte pubblicate sui siti delle Regioni e del Ministero del Lavoro.

Occorre allora chiedersi se ciò di cui necessitano giovani e imprese è una certa durata contrattuale o il suo contenuto. Il mercato del lavoro di oggi richiede soprattutto competenze, e competenze allineate alla domanda, ma su questo il contratto a tutele crescenti incide ben poco. Insomma, di lavoro da fare per migliorare tutti questi aspetti ancora vivi nel mondo del lavoro, ce ne sarà parecchio!