I titolari di Legge 104 possono beneficiare di importanti agevolazioni in caso di acquisto di un’auto usata. Ecco cosa c’è da sapere in merito.

auto legge 104
Foto © AdobeStock

Cibo, vestiti, bollette, tempo libero e tanto altro ancora. Sono davvero molte le cose con cui ci ritroviamo puntualmente a dover fare i conti e che portano, nella maggior parte dei casi a dover mettere mano al portafoglio. Se tutto questo non bastasse, l’impatto negativo del Covid sull’economia costringe sempre più famiglie a dover fare i conti con una grave crisi finanziaria. Tanti, in effetti, sono i costi che vanno ad incidere sul bilancio di ogni nucleo famigliare. Tra questi quelli per l’automobile, come ad esempio carburante e bollo auto.

Ma non solo, ad avere un costo non indifferente è proprio quello che bisogna sostenere per acquistare un mezzo idoneo alle proprie esigenze. Proprio in questo ambito, pertanto, interesserà sapere che i titolari di Legge 104 possono beneficiare di importanti agevolazioni in caso di acquisto di un’auto munita degli adattamenti necessari per il trasporto di persone con disabilità. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Legge 104 e acquisto auto usata, occhio alle agevolazioni: tutto quello che c’è da sapere

A causa della crisi economica causata dall’impatto negativo del Covid, sono tante le famiglie che si ritrovano alle prese con una difficile gestione delle finanze personali. Da qui la decisione di molti di limitare i vari consumi, al fine di avere qualche euro in più a disposizione a cui attingere in caso di necessità.

Vi sono, però, alcune spese che, spesso, non possono essere rimandate. Proprio in tale ambito a rivestire un ruolo importante sono le varie agevolazioni, volte ad offrire un valido sostegno all’acquisto di determinati beni e servizi. Tra questi si annoverano quelle a favore dei titolari di Legge 104 in caso di acquisto di un’auto munita degli adattamenti necessari per il trasporto di persone con disabilità.

Entrando nei dettagli i titolari di Legge 104 possono usufruire di importanti agevolazioni fiscali per l’acquisto di vetture, sia nuove che usate. Ecco tutto quello che c’è da sapere in merito.

Legge 104, agevolazioni acquisto auto: chi ne ha diritto

Ogni anno tutti gli automobilisti italiani devono fronteggiare tutta una serie di spese che finiscono inevitabilmente per impattare sul bilancio famigliare. In tale ambito ricordiamo che i soggetti portatori di gravi disabilità che possono avvalersi della Legge 104 hanno diritto all‘esenzione del bollo auto, così come dal pagamento dell’imposta di trascrizione al PRA dovuta per il passaggio di proprietà.

A tal proposito è bene sottolineare che l’acquisto di un’auto con legge 104 è previsto solo per determinate categorie di disabili gravi. In base a quanto si evince dall’apposita guida dell’Agenzia delle Entrate, infatti, ne hanno diritto:

  • non vedenti e sordi;
  • disabili con handicap psichico o mentale titolari dell’indennità di accompagnamento;
  • disabili con grave limitazione della capacità di deambulazione o affetti da pluriamputazioni;
  • disabili con ridotte o impedite capacità motorie.

Ma non solo, i soggetti interessati devono rispettare dei limiti reddituali. Nel caso in cui il disabile sia fiscalmente a carico di un suo familiare, quest’ultimo può, a sua volta, beneficiare delle varie agevolazioni. Oltre a quelle poc’anzi citate si annoverano Iva agevolata al 4%, a patto che l’acquisto venga effettuato presso una concessionaria.

Per finire ricordiamo che le agevolazioni per l’acquisto di un’auto usata con legge 104 vengono riconosciute solo nel caso in cui il mezzo abbia una cilindrata massima di 2.000 cm³ se a benzina. Fino a 2.800 cm³, invece, nel caso in cui si tratti di un veicolo a diesel.

LEGGI ANCHE >>> Benzina: prezzi in preoccupante aumento, ma evitare la batosta è possibile

Il mezzo non può avere più di 9 posti e non può essere venduto prima dei due anni dall’acquisto. In quest’ultimo caso, infatti, bisogna restituire l’importo ricevuto. Vi è però un’eccezione, ovvero se la vendita risulti necessaria a causa di variazioni dovute alla disabilità.