Con un jackpot che è tra i più alti della sua storia, il Superenalotto continua a regalare emozioni e trepidazione, ma anche soldi. Vediamo chi festeggia.

Il Superenalotto continua a tenere in trepidazione i giocatori che ormai vedono lievitare il jackpot che sarà assegnato a chi riuscirà a indovinare i 6 numeri vincenti. Sembra poca cosa, in apparenza. Eppure nessuno ci riesce dal luglio 2020 quando Sassari vinse 59 milioni di euro. Da quel giorno, il gioco della Sisal ha dispensato vincite ogni settimana, ma mai la più alta. Oggi il jackpot vale 130 milioni di euro e domani, giovedì 1 aprile, si proverà ancora a sbancarlo.

La raccomandazione è sempre quella di non esagerare a scommettere perché sono talmente basse, anzi bassissime, le probabilità di indovinare 6 numeri su 90, che non sarà certo una giocata da 100 euro a fare meglio di una da 2 euro. Chi gioca più soldi ha davvero minime possibilità di far meglio di chi ne gioca pochi, tanto vale tentare il grande sogno senza minare le proprie risorse economiche.

E si può vincere, e bene, anche senza indovinare tutti e sei i numeri. E’ quello che è successo ieri sera, martedì 30 marzo, a sei giocatori.

LEGGI ANCHE >>> Gratta e Vinci, pioggia di soldi alla tabaccheria dei sogni: il biglietto vincente

Superenalotto, Jackpot tra i più alti della storia: festeggiano in sei, 40mila ai 5 e 39mila al 4S

Il jackpot immacolato ha dunque raggiunto la stratosferica cifra di 130 milioni di euro, è il sesto montepremi più alto nella storia del gioco Sisal. La combinazione vincente del concorso di martedì 30 marzo:

10-25-41-58-78-87
Numero Jolly: 73
Numero SuperStar: 33.

A festeggiare sono quelli che hanno visto il sogno a due passi da loro. Hanno centrato il 5 e sono in cinque, vincono ognuno poco più di 40mila euro. Ottima anche la vincita per il fortunato che ha centrato 4 numeri più il numero stella: vince circa 38mila euro.

LEGGI ANCHE >>> Gratta e Vinci, spende 5 euro e non crede ai suoi occhi: il sogno è diventato realtà

Ora occhi puntati all’urna per l’estrazione di giovedì 1 aprile, sperando non sia un brutto scherzo.