L’INPS annuncia novità che riguardano le visite fiscali per i lavoratori che si assentano dal lavoro per malattia: occhio agli orari!

Fonte foto web

Il lavoratore che si assenta dal lavoro per motivi di malattia deve rispettare le fasce orarie di reperibilità. Il che significa che il medico fiscale che ha il compito di accertare lo stato di malattia deve poter visitare il lavoratore presso il luogo di residenza dello stesso.

Analizziamo dunque le novità INPS sugli orari delle visite fiscali 2021 e quali categorie di contribuenti godono dell’esenzione degli accertamenti fiscali. Ciò perché a seconda della patologia o del disturbo fisico e/o psichico di cui si soffre può anche non essere reperibile durante le fasce orarie delle visite fiscali.

Quando un lavoratore si ammala gode infatti del diritto di assentarsi, ma subisce decurtazioni sulla retribuzione mensile a seconda delle condizioni specifiche del contratto lavorativo. Tanto i dipendenti pubblici quanto quelli privati possono ricevere controlli da parte del medico che l’INPS invia presso la residenza del lavoratore.

Occorre dunque attenersi scrupolosamente alla normativa vigente per evitare l’applicazione di sanzioni che, in caso di recidiva, espongono al rischio di licenziamento. Torna utile pertanto conoscere le novità INPS sugli orari delle visite fiscali 2021 sia nei giorni feriali che festivi.

LEGGI ANCHE >>> Bonus da 100 euro in busta paga per alcune categorie di lavoratori

LEGGI ANCHE >>> Chi ha diritto allo sconto del 50% sulla bolletta telefonica?

Visite fiscali: occhio ai cambiamenti della reperibilità per malattia

Chi svolge attività lavorativa nel settore pubblico deve essere reperibile ogni giorno della settimana con inclusione di sabato e domenica, oltre che festivi. Le fasce orarie per i dipendenti pubblici sono le seguenti: 9:00/13:00 di mattina e 15:00/18:00 nel pomeriggio.

Secondo quanto si legge nel messaggio n. 3265/2017 il Polo Unico dei controlli ha attualmente l’incarico di effettuare visite mediche di accertamento dello stato di malattia. Ciò avviene dietro esplicita richiesta di Pubbliche amministrazioni in veste di datori di lavoro, sia di ufficio.

Diverso il caso dei lavoratori privati che invece devono rispettare orari di reperibilità meno estesi, ma sempre in riferimento ai 7 giorni della settimana, al fine settimana e ai festivi. I dipendenti privati devono trovarsi presso il luogo di residenza dalla 10:00 alle 12:00 di mattina e dalle 17:00 alle 19:00 di pomeriggio.