Air Bnb costretta a pagare un risarcimento da 7 milioni: cos’è successo

La società statunitense che fitta camere online, Air Bnb è stata costretta a pagare quasi 5,8 milioni di euro per un indennizzo

Air Bnb (Fonte foto: web)

Oggi il portale online, Air Bnb, ha pagato l’indennizzo milionario ad una sfortunata cliente. Sfortunata, perché per aver diritto ai milioni di dollari corrisposti a lei dal colosso americano, ha dovuto subire qualcosa di estremamente sgradevole.

E pensare che a Torino c’era un uomo disposto a farsi investire dalla auto di passaggio, pur di farsi risarcire per poche centinaia di euro. La turista australiana comunque, ha ricevuto dalla società che fitta camere per vacanze, 7 milioni di dollari.

Leggi anche>>> Risarcimento vaccino Astrazeneca: a chi spetta e come richiederlo

Perché Air Bnb ha dovuto pagare tanto

Cosa avranno fatto i dipendenti di Ari Bnb per scontentare tanto una ragazza. Loro, praticamente nulla, ma c’è un retroscena in un viaggio prenotato dalla donna, proprio sul sito aperto nel 2007. La ragazza, aveva infatti prenotato un appartamento a New York, dove è stata violentata. A stuprarla, un ragazzo che l’aveva minacciata con un coltello.

Se oggi sentiamo le parole “risarcimento milionario”, andiamo sicuramente con la testa ai Marò, con il caso che si è chiuso ieri. Eppure, ce n’è un altro corrisposto oggi, ma che ha origini molto lontane. Continuando però a spiegare prima la vicenda, la ragazza aveva preso le chiavi dell’appartamento fittato, in un negozio lì vicino, per il Capodanno del 2015. Era poi uscita, per tornare dopo mezzanotte.

Leggi anche>>> Costretta a cambiare posto in aereo perchè donna: maxi risarcimento

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo
Successe però l’imprevisto, Junior Lee, allora ventiquattrenne, aveva tenuto per sé un duplicato delle chiavi di quella casa e vi si era presentato quando questa era vuota, per andare a stuprare, probabilmente qualcuno a caso. In quella notte quindi, il suo ingresso armato di coltello si rivelò l’incubo per la viaggiatrice australiana. L’accordo per il risarcimento, risale al 2017 ed anche se corrisposto solo oggi, ha in sé due importanti vincoli: la donna non potrà querelare né Air Bnb né il proprietario dell’appartamento.