Quali sono le truffe che maggiormente vengono consumate sul web e come proteggersi, ecco dei piccoli suggerimenti

Le truffe più diffuse sul web: quali e come proteggersi
Truffe online (Fonte foto: web)

Ormai viviamo online per larghi tratti della nostra vita. Dalla ricerca di lavoro agli acquisti, non ci sarà capitato almeno una volta di rilasciare i nostri dati in rete? Allora è meglio sapere come proteggersi dalle maggiori truffe nate sul web. Vi diamo anche un suggerimento bonus su come difendervi dalla chiamata che vi svuota il conto.

Partiamo dalla truffa dell’offerta di lavoro: potrebbe capitare di ricevere una mail dove stranamente ci offrono un lavoro, dove qualora accettassimo, vedremmo anche che l’importo che ci arriva è più alto di quello che ci veniva offerto. Ci viene allora chiesto di restituire la differenza, per poi in futuro scoprire che l’assegno o l’ordine di pagamento originale erano falsi. In questo modo, il truffatore avrà ottenuto il nostro danaro, senza darci nulla.

Quella forse più fantasiosa però, è quella dell’uomo d’affari e dello spostamento di denaro. Una mail direttamente dall’interessato, ci comunica che l’uomo di affari in questione, vuole spostare dei soldi dal proprio conto al nostro Paese e che se lo aiutassimo, potremmo ricevere da lui una bella somma. Cosa accade? Che mentre lui per qualche motivo posticiperà i pagamenti, i nostri piccoli pagamenti per facilitare il trasferimento di fondi finiranno nelle mani dei truffatori. Ma ce ne sono altre quattro.

Leggi anche>>> Truffe on line: il re è finito in manette

Ecco le altre pericolose truffe del web

Abbiamo quella della Lotteria, dove sempre tramite mail ci viene comunicata una vincita super, spesso in un altro Paese. Cosa ci chiedono in cambio del rilascio dei soldi in nostro favore? Una piccola somma e spesso anche dei dati personali per accertare la vincita. Ed in questo modo non solo avremo donato denaro ai furbetti, ma avremo anche elargito dati sensibili pericolosi sul nostro conto.

Ancora la truffa degli appuntamenti online: in breve, sarebbe bene sospettare di persone incontrate su siti di incontri, che possano chiederci cose come foto intime o anche soldi in cambio delle loro, o semplicemente perché dicono di essere in difficoltà. Spesso i truffatori detti Catfishers, usano la tecnica dell’identità rubata, come farci vedere più foto della stessa persona, magari una bella donna, celando quella che invece è la loro. Il consiglio è sempre quello di non inviare soldi a persone con cui non si abbia mai avuto un incontro dal vivo.

Leggi anche>>> Facebook e i dati rubati, interviene il Garante: “Attenti al cellulare”

Per vergognoso che possa apparire, uno dei canali più ricercati dai furbetti, è quello della truffa sulla beneficenza. Facendo leva su pandemie, catastrofi anche accadute altrove, ogni giorno nascono siti web collegati ad e-mail emozionali che potrebbero arrivarci, chiedendoci delle donazioni per aiutare i più bisognosi. Consultare sempre chi ne sa ed anche Google, per assicurarsi della veridicità di questi siti.

Infine, la truffa di chi ci dice di lavorare per Microsoft, o altre grandi aziende. Chi chiama, si dice certo di poter risolvere i nostri problemi del Pc, e di inviarci di lì a breve una mail contenente un programma di accesso remoto da scaricare. Ecco, attraverso di esso i malviventi possono entrare nel nostro dispositivo e installarci del malware a nostra insaputa. Non è mai un bene dare a terzi l’opportunità di effettuare l’accesso remoto al proprio pc, meglio rivolgersi sempre a qualche esperto che conosciamo e non fidarci di telefonate o e-mail. L’ultimo pericolo, a proposito ancora di truffe, è quello che ci arriva direttamente da WhatsApp.