Truffe on line: il re è finito in manette

Era considerato il re delle truffe on line, arrestato in latitanza. Gestiva una solida organizzazione criminale.

truffe online

Una carriera criminale incredibile che l’ha portato ad essere uno dei re assoluti delle truffe on line. Gestiva un vero e proprio impero finanziario improntato sulla falsificazione di documenti e dinamiche truffaldine on line. Falsificazione di strumenti di pagamento, truffa, estorsione, i capi di imputazione per il 63enne già precedentemente condannato a 7 anni di reclusione, poi latitante, e quindi, di nuovo in manette nei pressi di Roma.

A tradirlo, oltre ad un forte e radicato lavoro di investigazione da parte delle forze dell’ordine, anche una serie di operazioni da sportelli bancomat, che l’uomo, di origini calabresi, aveva effettuato nei luoghi che gli agenti già tenevano sott’occhio. Un vero e proprio impero criminale che vede il suo capo indiscusso finire in manette dopo averla già, precedentemente fatta franca. Un duro colpo, insomma, a tutta l’organizzazione.

LEGGI ANCHE >>> Tentata truffa del Reddito di Cittadinanza: la direttrice postale lo smaschera

Truffe on line: la Polizia Postale ha braccato il re indiscusso del raggiro on line

L’abile lavoro della Polizia Postale ha portato all’individuazione dell’uomo, poi traditosi anche grazie ad una serie di operazioni presso sportelli bancomat della zona, dove poi è stato effettivamente trovato. In un appartamento, l’uomo, di prima mattina, è stato sorpreso in possesso di numerosi strumenti informatici oltre che vari smartphone. Tutto l’occorrente, insomma, per portare avanti la sua redditizia attività criminale.

Era il 2019 quando l’uomo fu arrestato insieme ad un’altra persona in seguito ad una operazione meticolosamente condotta dalle forze dell’ordine. Le manette scattarono per l’uomo coinvolto nei soliti traffici informatici. Ma poi, il soggetto riuscì ad evitare la pena dandosi alla macchia.

LEGGI ANCHE >>> Truffa in banca da 1 milione di euro: il colpevole che non ti aspetti

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Una storia finita male, insomma, per il re incontrastato delle truffe on line. La sua corsa, per ora finisce qui. Le forze dell’ordine, hanno fatto il proprio lavoro in maniera impeccabile.