La truffa in banca è avvenuta in un filiale del Sud Italia . Il “furbetto” dopo aver messo insieme la lauta somma ha poi fatto perdere le sue tracce, ecco di chi si tratta

Truffa in banca
Banconote false (Fonte foto: web)

Una clamorosa truffa ha sconvolto la filiale bancaria della Bper di Solofra (provincia di Avellino). Il colpo della vita, che è valso al furbetto in questione addirittura 1 milione di euro.

Una cifra che naturalmente gli ha permesso di poter “mollare” tutto e sparire per andare chissà dove a godersi la somma intascata illecitamente. Un ulteriore indizio che avvalora la tesi del maxi raggiro. Il particolare che rende questa vicenda ancora più sconvolgente è che l’autore dell’inganno è un personaggio di cui nessuno avrebbe mai potuto sospettare.

LEGGI ANCHE >>> Banca, 12 vittime in poche ore: a truffarle un ‘insospettabile’

Truffa in banca: come ha agito l’insospettabile impostore

Solitamente quando ci si imbatte in storie di truffe bancarie, si pensa sempre al cliente ad un soggetto estraneo alla filiale. Stavolta il colpevole era di fatto una talpa, che dall’interno ha manipolato la situazione a suo piacimento.

Ebbene si, stiamo parlando di un impiegato che per diverso tempo ha agito indisturbato. A far venire a galla la verità sono stati i sospetti di alcuni clienti che hanno visto il loro denaro sparire in fondi di investimento fittizi.

In pratica erano solo gli interessi a circolare, mentre le somme investite inizialmente finivano direttamente nelle tasche del cassiere truffaldino. Al momento i capitali mancanti sono stimati in circa 1 milione di euro, ma non è da escludere che possano essere ancor maggiori.

LEGGI ANCHE >> Banca, attenti ai debiti: la vostra auto è a rischio. Cosa può succedere

Un piano che però aveva vita breve. Per questo l’impiegato contestualmente aveva già programmato il suo viaggio di sola andata verso terre lontane e sicure per lui. Nel frattempo sia gli ispettori della Bper sia le autorità giudiziarie stanno cercando di ricostruire il quadro della situazione per comprendere come sia stato possibile che l’uomo abbia agito indisturbato senza che nessuno si accorgesse di nulla.