Il 2021 ha in serbo multe meno ingenti per quanto riguarda le infrazioni più gravi del codice della strada. L’Istat ci spiega il perché 

Multe
Fonte Instagram – @112_genova_emergenza_

Contrarre delle multe è una delle attività che più accomuna gli italiani a prescindere dalla loro ubicazione geografica. Sembra però che il 2021 possa portare un po’ di gioia in tal senso e snellire il carico di quella che è da considerare a tutti gli effetti una spesa (soprattutto per coloro che sono meno attenti alla guida).

Non si tratta però di un dono delle istituzioni anche perché di questi tempo lo Stato ha bisogno anche di queste entrate. L’abbassamento dei “prezzi” delle multe è unicamente frutto dal calo dell’inflazione programmata.

Secondo l’Istat nel 2021 l’indice dei prezzi al consumo sarà negativo (con un tasso del -0,2%). Ciò comporterà di conseguenza una commisurazione per le tariffe applicabili per le multe previste dal codice della strada.

LEGGI ANCHE >>> Agenzia delle Entrate, multe a pensionati e disoccupati: vi diciamo il perché

LEGGI ANCHE >>> Sai che non tutte le Forze dell’Ordine possono fare le multe? Ecco quali possono

Multe ridotte per le infrazioni più gravi: il raffronto

Ciò però riguarda le multe piuttosto elevate, quelle che superano i 250 euro per intenderci. Quindi non subiranno ribassi sui divieti di sosta (42 euro), sul mancato allaccio delle cinture di sicurezza (83 euro) e sull’utilizzo del cellulare alla guida (165 euro).

Dunque saranno le violazioni più gravi ad essere oggetto di sconto, come ad esempio la terza fascia del superamento della velocità (dai 40 ai 60 km orari) che passa da 533 euro a 532 e la quarta (da 60 km orari in su) che si abbassa a 845 euro a fronte degli 847 precedenti.

Le altre novità inerenti il codice della strada riguardano per lo più pedoni, ciclisti, conducenti di ciclomotori e motocicli. I pedoni in particolare avranno sempre la precedenza nell’attraversamento rispetto ai veicoli, a patto che abbiano già impegnato le strisce pedonali.

Gli automobilisti dovranno sempre concedere la precedenza a ciclisti e conducenti di monopattino sia su strade urbane che ciclabili. Inoltre bisogna mantenere la distanza di sicurezza nel caso ci sia una bicicletta in fase di sorpasso.