Con il Decreto Semplificazioni hanno introdotto delle modifiche in materia di soggetti che possono rilevare infrazioni ed elevare multe.

multe

 

Il Decreto Semplificazioni ha esteso questo potere anche a personale di Enti locali e di società convenzionate con essi, lquindi a soggetti che non sono nemmeno lontanamente forze dell’ordine, come la Polizia stradale, i Carabinieri, la Guardia di Finanza e le Polizie locali.

Occorre, quindi, capire bene chi può fare una multa stradale o meno.

LEGGI ANCHE >>> Lavorate davanti al computer? L’INAIL riconosce come inabilità il mal di mouse

Multe stradali: gli organi che possono farle

multe stradali
Fonte pixabay

In via prioritaria l’attribuzione a fare multe stradali è della Polizia Stradale, ma il medesimo potere viene esteso anche alle altre articolazioni della Polizia di Stato, all’Arma dei Carabinieri ed alla Guardia di Finanza sull’intero territorio nazionale.

Poi ci sono i Corpi e servizi di Polizia provinciale e municipale, che però possono operare solo nell’ambito del territorio di propria competenza, dunque non oltre i confini dell’Ente locale di cui fanno parte.

Rientrano quali autorità compententi anche Polizia penitenziaria ed il Corpo forestale dello Stato, con la precisazione, per entrambi, che possono svolgere i servizi di polizia stradale solo «in relazione ai compiti d’istituto». Ed ancora, possono accertare le violazioni anche gli ufficiali ed agenti di polizia giudiziaria.

Anche altri soggetti possono fare multe, previo superamento di un apposito esame di qualificazione: come uffici viabilità di Regioni, Province e Comuni, dei cantonieri nei tratti affidati alla loro sorveglianza, i dipendenti delle Ferrovie dello Stato e quelli delle ferrovie o tramvie in concessione per le violazioni commesse ai passaggi a livello, i militari del Corpo delle Capitanerie di porto nelle aree portuali e il personale del Mit impiegato all’interno degli aeroporti aperti al traffico aereo civile.

Ma attenzione! Con il Decreto Semplificazioni anche i netturbini possono fare le multe le violazioni «connesse all’espletamento delle predette attività».

Gli ausiliari del traffico possono rilevare le infrazioni solo per le soste negli spazi di parcheggio a pagamento e procedere alla rimozione dell’auto.

LEGGI ANCHE >>> I lavoratori più tartassati d’Europa? Gli italiani e lavorano anche di più