Operazione della Guardia di Finanza di Nocera Inferiore in servizio su strada ad Angri nel salernitano: denunciato un 60enne di Torre Annunziata e sequestrati gli orologi falsi.

orologi falsi
Fonte: Pixabay

Nell’ambito di una operazione di normale servizio su strada ad Angri, una pattuglia della Guardia di Finanza di Nocera Inferiore ha fermato una vettura, con targa estera, alla cui guida c’era un uomo di 60anni. Dopo il consueto controllo nella banca dati, le Fiamme Gialle hanno scoperto che l’uomo, originario di Torre Annunziata nel napoletano, era già noto alle Forze dell’Ordine per alcuni reati a lui ascritti tra cui quelli contro il patrimonio come riciclaggio ed evasione fiscale.

Ispezionando il bagagliaio della vettura i militari hanno trovato alcune scatole che contenevano alcuni orologi e bracciali di noti marchi del settore come Rolex, Patek Philippe e Panerai, palesemente contraffatti e che tali si sono confermati dopo un successivo e più accurato esame.

LEGGI ANCHE >>> Ennesima truffa sul Reddito di cittadinanza: 3 arresti a Milano

Violazione dello spostamento tra Comuni per vendere orologi falsi, l’operazione della Gdf

Le Fiamme Gialle hanno così provveduto al sequestro degli oggetti per impedire che queste fosse messe in vendita e commercializzate anche perchè il 60enne era solito mostrare gli oggetti in foto attraverso l’utilizzo dei social network Facebook ed Instagram cercando di intercettare nuovi clienti ai cui si faceva credere che l’acquisto fosse di natura originale sebbene con prezzi molto vantaggiosi.

L’uomo è stato perciò denunciato a piede libero e rischia la reclusione fino ad otto anni e una multa che può arrivare ai 35.000 euro. Inoltre i militari lo hanno anche segnalato alla Prefettura di Salerno, per essersi spostato in Comuni diversi da quello di residenza, sebbene ci sia ancora in atto uno specifico divieto imposto dalle misure anti-Covid. Per questa irregolarità incorrerà in un’altra sanzione pecuniaria di tipo amministrativo, fino ad un massimo di 3.000 euro.

LEGGI ANCHE >>> Finanziavano terrorista tunisino, l’altra faccia del Reddito di Cittadinanza