Fare il tabaccaio è così redditizio? Ecco quanto si guadagna davvero

Il mestiere del tabaccaio spesso è dipinto come uno dei più redditizi in assoluto. La verità è che forse non è tutto oro ciò che luccica.

Una delle attività che forse nell’immaginario collettivo rappresenta in un certo senso il massimo de redditizio è sicuramente quella del tabaccaio. Una sorta di opinione pubblica abbastanza radicata, la sensazione che attraverso certe professioni, considerandone le caratteristiche ci si possa arricchire in ogni caso. Spesso però si dimentica tutto il resto.

Tabacchi
Adobe

Nel considerare la tipologia di attività ed il relativo potenziale di ritorno in quanto ad introiti ci si dimentica spesso di quelle che sono le spese di inizio attività. Il costo di una licenza non è di certo qualcosa che tutti possono permettersi, parliamo di cifre altissime che comportano molti sacrifici soprattutto per quel che riguarda proprio il regime lavorativo. Stiamo parlando di una attività che di certo può essere molto redditizia ma anche molto impegnativa.

La probabilità di ottenere una licenza per la gestione di una tabaccheria è qualcosa di assolutamente complicato, qualcosa che sfiora l’impossibile. Certo si potrebbe pensare di rilevarla da un gestore che cede la propria attività ma in questo caso si andrebbe incontro a prezzi davvero altissimi che cosi come anticipato comportano sacrifici non indifferenti. Il tutto insomma inizia con la semplice gestione dell’attività, prima ancora di entrare nel merito della vendita e di tutto il resto.

Vendita di sigarette, di valori bollati, lavori di ricevitoria per quel che riguarda Lotto, Superenalotto, vendita di biglietti Gratta e vinci e quant’altro. Il tutto potrebbe far immaginare una attività molto, ma molto, redditizia ed invece la verità è che in tutte queste situazioni i margini di guadagno sono davvero molto bassi e di conseguenza a far crescere il reddito stesso del gestore in questione è la potenziale mole di lavoro.

Fare il tabaccaio è così redditizio? Ecco quanto rende una simile attività commerciale

Spesso ci si concentra, ad esempio sul prezzo delle sigarette. Quanto costa realmente un pacchetto di sigarette e quanto, quindi, un tabaccaio guadagna realmente su ogni singolo pacchetto venduto. In Italia, trattandosi di prodotti che ancora oggi sono sotto l’ala del Monopolio di Stato parliamo di una percentuale fissa  al 10%. Stiamo parlando chiaramente della differenza tra profitto e netto delle imposte. Su ogni pacchetto di sigarette che costa ad esempio 5 euro il tabaccaio guadagnerà 0,50 centesimi.

Stabilire in linea di massima quale può essere il reddito medio, mensile e quindi annuale di un tabaccaio non è certo cosa facile. Secondo l’Istat lo stipendio medio mensile di un tabaccaio si aggira sui 1300 euro mensili. La cifra potrebbe variare da città in città in base quindi anche all’offerta che una singola tabaccheria può proporre alla propria clientela. Il tutto insomma può variare in base a specifici fattori e particolari dinamiche.

Particolarmente importante risulta insomma essere, ai fini della determinazione di un reddito di base il cosiddetto aggio. Cosi come anticipato parliamo del ricavo lordo di una tabaccheria in merito alla vendita di prodotti del Monopolio di Stato. Ovviamente su questo vanno calcolate tasse e spese di gestione. L’aggio stesso varia a seconda della tipologia di prodotti e servizi offerti. Parliamo del 10% per quel che riguarda la vendita dei tabacchi e del 5% per quel che riguarda i giochi di cui gli italiani sono più che ghiotti.

Un tipo di attività insomma molto particolare, cosi come anticipato molto in cui c’è una soglia di sacrificio, per cosi dire, piuttosto alta. Tanto lavoro e profitti che non rispecchiano più quelli che forse potevano essere riscontrati nei passati decenni. Tanto sacrificio insomma, margini di guadagno spesso risicati e l’esigenza di dover lavorare davvero tanto per portare uno stipendio assolutamente nella norma. Conviene davvero insomma investire in questo tipo di attività? Questa è la domanda che molti si pongono.

Impostazioni privacy