La casa dei sogni è un desiderio realizzabile: i migliori progetti per finanziare una brillante idea

La casa dei sogni non deve rimanere un progetto irrealizzato. Conoscendo i giusti trucchi è possibile vivere nella propria fantasia realizzandola con un adeguato finanziamento.

Acquistare una casa di proprietà è un sogno costoso ma che può essere realizzato. Vediamo quanti soldi servono e come agire.

casa dei sogni finanziamento
Adobe Stock

L’unica strada possibile per tante coppie è richiedere un mutuo per poter acquistare una casa di proprietà ed evitare di pagare un affitto. Tale decisione comporta, però, una spesa iniziale onerosa nonché una rata mensile da corrispondere senza esitazioni per non rischiare di perdere tutto. Insomma, un progetto di vita che impegnerà per diversi anni, che richiede sacrifici e impegno costante ma che alla fine consentirà di vivere nella propria casa dei sogni da costruire mattone dopo mattone (non necessariamente nel senso letterario del termine). Nel tempo, poi, è possibile apportare modifiche procedendo con una ristrutturazione dell’abitazione che possa consentire una riqualificazione energetica che permetterà di risparmiare sui costi di luce e gas e di modernizzare l’immobile. Le idee non mancano di certo ma ciò che scarseggia è la liquidità necessaria per realizzarle. Qui intervengono le banche ma attenzione a scegliere le soluzioni di finanziamento più opportune.

La casa dei sogni e i finanziamenti da valutare

Prima di richiedere un finanziamento è consigliabile capire quanto costano le case in Italia. Il prezzo è solitamente definito per metro quadrato ossia con riferimento all’unità di misura della superficie e al costo associato su cui incidono diverse variabili come la città di residenza o le condizioni dell’abitazione. Di conseguenza, la somma da spendere per acquistare una casa varia molto ma, in generale, possiamo affermare che per abitare in un immobile di media grandezza, in buone condizioni, dotato dei confort quali ascensori o garage bisognerà uscire non meno di 200 mila euro.

Per le villette, poi, le cifre aumentano sia per un nuovo acquisto che per una ristrutturazione. Tra i migliori affari che si possono tentare citiamo le vendite delle case all’asta, immobili pignorati o bloccati nel mercato che presentano costi decisamente meno onerosi anche se nella maggior parte dei casi è necessaria una ristrutturazione. Tante banche, però, concedono credito per la riqualificazione energetica e, dunque, questa ipotesi è da valutare con attenzione.

Immobile nuovo o da ristrutturare? Attenzione alla convenienza

Se si ha un capitale da parte da investire sul mattone è possibile pensare di acquistare un immobile nuovo, già dotato di pannelli solari, di cappotto termico, condizionatori ed ogni altro vantaggio tecnologico che l’era moderna consente. Volendo rimanere su un budget più basso è consigliabile, invece, cercare la propria casa dei sogni tra le abitazioni che necessitano di una ristrutturazione. Si avrà, così, un duplice vantaggio. Da una parte si potrà disegnare da zero il proprio progetto per realizzare una casa su misura e totalmente personale. In secondo luogo si potrà approfittare dei Bonus fiscali concessi dal Governo come la detrazione IRPEF del 50% per un tetto massimo di spesa di 96 mila euro.