La lotteria degli scontrini non è ancora ufficialmente partita, ma già sono molteplici le applicazioni collaterali inerenti a questa innovazione tutta da scoprire

Lotteria degli scontrini

Insieme al “Cashback di Stato”, la “Lotteria degli Scontrini” è la vera novità di fine 2020 inizio 2021. Ufficialmente non è ancora partita, ci sono stati diversi rinvii. Il giorno propizio potrebbe essere il 1 gennaio, ma si attendono conferme in tal senso.

Nonostante ciò sono già disponibili diverse applicazioni riguardanti il nuovo servizio ideato per lotta all’evasione fiscale, che consentirà di vincere dei premi a coloro che sono in possesso di scontrini elettronici per spese di almeno 1 euro a patto che siano maggiorenni residenti in Italia. 

I soggetti in questione parteciperanno a delle estrazioni settimanali che daranno la possibilità di vincere dei premi fino a 5 milioni di euro. Ci si dovrà però munire di un codice lotteria (disponibile sul portale dedicato) da comunicare all’esercente al momento dell’acquisto.

LEGGI ANCHE >>> Lotteria degli scontrini, c’è la proroga: quando parte la corsa ai premi

LEGGI ANCHE >>> Lotteria scontrini: gli acquisti verranno tracciati? Risponde il Fisco

Lotteria degli scontrini, a cosa servono le applicazioni dedicate?

Per quanto concerne le applicazioni nello store Android di Google sono già una decina, mentre in quelli iOS di Apple appena un paio. Almeno per il momento sembrano sicure visto che non sono stati ancora segnalati problemi e soprattutto risultano tutte gratuite (un aspetto importante, che esclude tentativi di raggiro).

Il vero interrogativo riguarda la loro utilità. Fondamentalmente non offrono chissà quali servizi. Di base indirizzano al sito ufficiale del Governo oppure registrano il codice degli scontrini salvandolo come promemoria.

Attività che gli utenti possono compiere ugualmente senza avvalersi di nessuna applicazione. Basta appunto collegarsi al sito del suddetto servizio o fare una foto allo scontrino. Dunque a fronte di un bottino così magro, vale la pena cedere i propri dati? La decisione finale spetta ai contribuenti.