Aprire un conto corrente per minorenni è una scelta che molti genitori fanno al fine di raccogliere in un posto sicuro paghette o regali che potranno essere utili ai propri figli in futuro.

conto corrente minorenni
Fonte pixabay

Non si può aprire un conto corrente quando si è ancora minorenni, ma possono farlo i genitori o chi ha la patrà podestà sul ragazzo.

Il conto verrà aperto da un adulto, ma il titolare sarà a tutti gli effetti un ragazzo o un bambino. La legge vieta la cointestazione del conto tra il genitore e figlio che, però, al compimento della maggiore età, potrebbe decidere in autonomia di cointestare il conto anche a un genitori.

Esistono diverse alternative e tipologie di conto corrente per minorenni, questi si distinguono principalmente per la fascia di età: da 0 a 12 anni e quella dai 12 anni ai 17 anni.

LEGGI ANCHE >>> Mara Venier: quanto guadagna la regina della domenica?

LEGGI ANCHE >>> Nord e Sud, la disparità è nei numeri: la mancata autonomia pesa

Conto corrente per minorenni: qual’è il più conveniente?

La soluzione più conveniente per chi ha un figlio minore di età compresa tra gli 0 ed i 12 anni  è quella del libretto di risparmio.

Il libretto di risparmio non prevede spese di apertura o gestione e non permette di svolgere le operazioni di incasso e pagamento che sono tipiche del conto corrente.

I tassi di interesse, sono compresi tra l’1 e il 3% annuali.

Se invece il minore è più grande, in una fascia di età compresa tra i 12 e i 17 anni, conviene aprire conto corrente vero e proprio, godendo di costi di apertura ridotti, inoltre, consentirebbe al minore di effettuare i primi acquisti con una carta prepagata.

E’ bene precisare che i genitori di un minorenne possono scegliere di aprire al figlio un conto corrente oppure un conto deposito.