Revisione auto, ci sarà un aumento nel prossimo anno, ecco quanto pagheremo in più rispetto all’ultima rata

Revisione auto, costi in aumento per il 2021: ecco di quanto
Fonte foto: (Pixabay)

Cattive notizie per chi usufruisce della revisione auto. Nel 2021, ci sarà un leggero aumento, il 18% in più, ma ci sono anche sconti per i meno fortunati. La Commissione Bilancio alla Camera ha approvato in via definitiva un umento del costo della revisione auto di 9,95 euro in più rispetto al 2020. Gli aumenti scatteranno dal 30 gennaio 2021 e interesseranno anche moto e camion.

Quanto si pagherà. Dal prossimo febbraio costerà quasi 10 euro in più, poi, ci sono da aggiungere: Iva, diritti ed altri oneri. Ecco quindi il sunto della situazione costi:

  • Revisione auto 54,95 euro
  • Iva 12,09 euro
  • Diritti Motorizzazione 10,20 euro
  • Servizio versamento postale 1,78 euro

Totale, 79,02 euro. Presso le officine non autorizzate però, pagheremo anche attorno ai 120 euro, per i costi del lavoro del meccanico.

Leggi anche>>> Possibile stop agli Isa: che reddito dichiarare per il 2020?

Leggi anche>>> Incubo cartelle esattoriali, ecco gli strumenti per fare la ‘pace’ col Fisco

Bonus revisione e quando andrà fatta

La Legge in bilancio prevede però anche l’ingresso di una sorta di bonus. Questo sconto di 10 euro circa, non riguarderà tutti, visto che tra il 2021 ed il 2023, potranno essere spesi solo 4 milioni. In pratica, all’incirca 402mila veicoli potranno beneficiare di questo bonus. Non è molto, se si calcola che il pacco auto e moto, in Italia, comprende 40 milioni di mezzi.

Sarà il Ministero dei Trasporti a prendere la decisione finale, ma pare quindi che questa detrazione riguarderà solo i meno abbienti. Probabilmente, per la scelta finale su chi potrà beneficiarne o meno, incideranno l’Isee e il tipo di auto o moto da sottoporre a revisione in base ai Kw o all’anno di immatricolazione.

Quando va fatta: ogni due anni a partire dall’immatricolazione, se parliamo di un’auto nuova, la revisione scatta dopo quattro anni e poi ogni due. Alcune date di scadenza però, sono state posticipate nel 2020. Questo è dovuto alle deroghe pensate a causa della pandemia, Covid-19.