A marzo le misure adottate dal Governo per evitare i licenziamenti scadranno e la disoccupazione sarà alle stelle. La corsa al posto di lavoro sarà super competitiva.

lavoro disoccupazione
AdobeStock-lavoro

Le misure adottate dal Governo per evitare i licenziamenti non potranno durare in eterno e, purtroppo, con lo sblocco dei licenziamenti moltissimi lavoratori dipendenti saranno licenziati dalle imprese, portando il tasso di disoccupazione alle stelle.

Le agenzia per il lavoro specializzare dichiarano che, con ogni probabilità offriranno, ai disoccupati, più di 90mila contratti di lavoro.

LEGGI ANCHE >>> Il Recovery Plan uccide la sanità più del Covid-19

Disoccupazione: il ruolo delle agenzie per il lavoro

Con lo sblocco dei licenziamenti un ruolo decisivo lo giocherrano le agenzie per il lavoro. Cosa sono?

L’Agenzia per il lavoro è un’azienda di professionisti specializzati nell’intermediazione del lavoro tra privati e aziende, nella ricerca e selezione del personale per aziende terze e nella somministrazione di lavoro.

Le Agenzie per il lavoro sono tutte private, ma ne esiste anche una versione pubblica che prende il nome di Centro per l’Impiego.

Le posizioni aperte riguarderanno le più diverse categorie di lavoratori: dagli informatici ai professionisti del settore sanitario, agli operai specializzati, addetti ai call center, autisti ecc.

Dall’ indagine sulle figure professionali più ricercate nel 2020 è emerso che:

1) nel settore sanitario i più ricercati sono infermieri qualificati, tecnici di laboratorio o specialisti sanitari, medici;

2) nel settore informatico i più ricercati sonosoftware engineer , analista software, tecnico di rete;

3) nel settore commerciale i più ricercati sono: on site manager, responsabile vendite, specialista commerciale/analista vendite.

Si specifica, inoltre, che dei 90mila contratti di somministrazione in discorso, più della metà saranno disponibili al Nord, un quarto al Sud e un 20% al Centro.

Attenzione a dove vi candidate perché le agenzie del lavoro sono esclusivamente quelle riconosciute e accreditate presso l’Albo del Ministero del Lavoro.