Nel 2020 le vendite complessive tramite le piattaforme online raggiungeranno circa 23 miliardi di euro con un aumento del 26%. Ma si rischia il passaggio dai negozi fisici al web di 83 milioni di euro di vendite al giorno dall’inizio della settimana del Black Friday al termine degli sconti.

Black Friday
Fonte: Pixabay

Lockdown e Black Friday daranno un importante impulso alla crescita dell’e-commerce in Italia nel 2020. Secondo una analisi dell’Osservatorio eCommerce B2C del Politecnico di Milano, il fatturato delle vendite online entro la fine del 2020 raggiungerà il livello di  22,7 miliardi di euro circa con un incremento rispetto al 2019 del 26%. Molti i settori merceologici in forte aumento tra cui quello del ‘food grocery’ con un +56% registrato.

Questo ultimo dato è dovuto al fatto che durante il primo lockdown molti italiani si sono avvicinati alle tematiche riguardanti il mondo della cucina e quindi hanno cercato in rete strumenti utili a realizzare le ricette. Da registrare anche l’aumento degli acquisti relativi agli igienizzanti per le mani o a prodotti detergenti per la casa così come dei dispositivi e strumenti quali il sanificatore ad ozono.

In crescita anche l’acquisto online per effettuare l’attività di nuovi hobby come la cura del giardino settore che ha fatto registrare un +245% in termini di ricerche. Cresciuto anche l’arredo e l’home living, con un incremento del 30%, insieme all’abbigliamento +21% e all’editoria +18%. In quest’ultimo caso l’aumento deriva dal fatto che nel primo lockdown si è incrementata la lettura di libri sia cartacei che digitali.

LEGGI ANCHE >>> Scenario da incubo: “Se continua così fino a Natale…”, l’altra faccia del Black Friday

Black Friday, occasione per molti ma a soffrire sono i negozi di vicinato

blakc Friday
Fonte: Pixabay

Ormai è vigilia di Black Friday ovvero del venerdì di fine novembre con promozioni e sconti forti offerti sulle piattaforma in rete. Il 9,8% degli italiani, sempre secondo l’analisi dell’Osservatorio eCommerce B2C del Politecnico di Milano, avrebbe intenzione di spendere cifre maggiori in questo preciso evento commerciale: il 23% ricercherà su Google i prodotti in sconto, il 18% userà Instagram ed il 10% Facebook.

Ma se il settore dell’e-commerce conoscerà un 2020 ed un periodo finale di anno molto positivo, il 2020 per il commercio tradizionale sarà ricordato come un anno davvero ‘nero’: ” le restrizioni imposte ai negozi, dalle chiusure forzate nelle regioni rosse e arancioni allo stop nel fine settimana imposto alle attività di gallerie e centri commerciali, rende impossibile alle imprese di vicinato partecipare all’evento promozionale. Uno squilibrio concorrenziale che rischia di spostare dai negozi fisici al web 83 milioni di euro di vendite al giorno dall’inizio della settimana del Black Friday al termine degli sconti”, stima Fismo, l’associazione delle imprese del commercio moda Confesercenti.

Ed è proprio la spesa in abbigliamento e accessori a subire il travaso più rilevante, con 25 milioni di euro al giorno di spesa delle famiglie dirottate verso il web. Ma lo squilibrio concorrenziale ha un impatto significativo anche su giochi e giocattoli per ragazzi e bambini (20 milioni di euro trasferiti verso l’ecommerce ogni giorno), la tecnologia e gli elettrodomestici (15 milioni al giorno per entrambi i comparti), e la vendita di libri (circa 300mila euro al giorno).

LEGGI ANCHE >>> Black Friday 2020, le 10 regole per evitare le truffe: tutti i consigli