Brani musicali via WhatsApp? Il metodo infallibile, anche con iPhone

Inviare brani musicali via WhatsApp non è qualcosa di complicato ma una possibilità concreta, attuabile in pochi click. Su Android e non solo.

 

La condivisione rappresenta il mantra dei nostri tempi. Si tratti di istantanee di vita o semplici momenti della nostra vita quotidiana. Anche i più ordinari. A tratti quasi una necessità.

Brano musicale WhatsApp
Foto © AdobeStock

Se i social costituiscono una pietra portante (non sempre stabile) del presente, altrettanto si può dire degli strumenti di comunicazione istantanea, ormai quasi più utilizzati delle stesse telefonate. WhatsApp è la regina del settore, anche se persino per lei non sono mancati tempi di incertezza. Tuttavia, anche se effettivamente a un certo punto si è palesato il “rischio” di un sorpasso da parte di Telegram, alzi la mano chi non ha utilizzato almeno una volta l’app in questione. Non solo per meri messaggi ma anche per lo scambio di contenuti, di file, per riunioni di lavoro e quanto di più contemporaneo possa essere attribuito a un’applicazione per smartphone. Chiaramente, accanto a tutto questo, via WhatsApp sarà possibile anche inviare dei file musicali.

Una possibilità a disposizione sia di chi possiede dispositivi Android che iOS, come gli iPhone. In sostanza, sarà possibile inviare una canzone a un nostro contatto, senza passare per ulteriori step che non siano il mero invio del messaggio via WhatsApp. Scordatevi il Bluetooth o altri strumenti simili: i brani musicali preferiti potranno essere condivisi letteralmente in un battito di ciglia, eseguono giusto qualche passaggio utile a mettere in moto il meccanismo. Dopodiché non occorrerà fare più nulla, visto che ci penserà il sistema informatico a far arrivare i soldi a destinazione.

Brani musicali su WhatsApp, si può: ecco come procedere su iPhone e smartphone

Nel corso degli anni, WhatsApp ha saputo andare anche oltre i propri limiti, implementando funzioni sulle quali era in ritardo e aggiungendone sempre di nuove. Il bello, però, è che l’app è sostanzialmente rimasta la stessa, senza modifiche di rilievo all’impostazione generale del suo utilizzo. Ossia, WhatsApp si è modificato, aggiornato, reso più efficiente senza tuttavia perdere la semplicità di utilizzo concessa inizialmente. Persino la schermata è rimasta praticamente inalterata. Eppure, negli anni, i programmatori non sono rimasti a guardare, specie dopo l’intervento di Facebook. Soprattutto di recente, sono stati incentivati alcuni servizi che possono permettere di inviare contenuti in modo istantaneo e senza difficoltà alcuna. Brani musicali inclusi, persino quelli di grandi dimensioni.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Il metodo è semplice, istantaneo e praticamente identico a quello che consente di inviare contenuti di differente natura. Basterà infatti aprire l’icona di WhatsApp, selezionare il nome del contatto desiderato e allegare il file “Audio” tramite l’immagine della graffetta. Tutto qui, niente di strano né di incredibilmente nuovo. Il punto è che anche gli iPhone possono effettuare una manovra simile, chiaramente facendo attenzione alle differenze di schermata. In questo modo, comunque, si otterranno fondamentalmente due risultati: l’invio del file desiderato e un’occupazione relativa nella memoria del dispositivo. Chiaramente, l’utente potrà inviare il tutto anche da pc o iPad, a patto che abbia l’app desktop attivata e collegata all’account WhatsApp. Un’ulteriore riprova del lavoro dei tecnici dell’applicazione per allargare i propri servizi. E, soprattutto, per tenere a distanza la concorrenza.