Disabili, arriva la nuova “carta d’identità”: tutto quello che occorre sapere

Occhio alle novità. È stata presentata, infatti, la nuova “carta d’identità” dei disabili. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

Disability card
Fonte: Facebook

A partire dal lavoro fino ad arrivare agli impegni famigliari, sono davvero tante le cose a cui dover prestare continuamente attenzione. Se tutto questo non bastasse, spesso ci si perde nei meandri burocratici. Tanto che non crea stupore il fatto che prima o poi possa capitare a tutti di non essere a conoscenza del fatto di aver diritto a determinati tipi di agevolazioni.

Proprio in tale ambito giunge finalmente un’importante novità, volta ad offrire un valido aiuto a ben 4 milioni di persone che presentano una percentuale di invalidità che va dal 67% al 100%. A partire dal 2022, infatti, sarà possibile richiedere e ottenere la Disability Card, che si presenta come una nuova “carta d’identità” che consentirà di accedere a numerosi beni e servizi. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo come funziona.

Disabili, arriva la nuova “carta d’identità”: ecco cos’è e come funziona

Importanti novità in arrivo per circa 4 milioni di persone che hanno tra il 67% e il 100% di invalidità. A partire dal 2022, infatti, sarà possibile richiedere e ottenere la Disability Card. A rendere nota tale notizia è stata il ministro per la Disabilità, Erika Stefani, che ha presentato la tessera in questione presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Presenti anche il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, e il presidente dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, ovvero Stefano Imperatori.  Si tratta, in pratica, di una sorta di “carta d’identità”, con tanto di foto e QR Code, che permetterà di dimostrare la propria condizione di disabilità, senza dover portare con sé certificati e cartelle cliniche.

Il tutto avverrà nel massimo rispetto della privacy e riservatezza, con i soggetti interessati che avranno così modo di accedere a vari beni e servizi in modo facile e veloce. Una novità che non passa di certo inosservata, con i potenziali beneficiari che potranno iniziare a farne relativa richiesta direttamente sul sito dell’Inps a partire dal mese di febbraio 2022.

Le tessere in questione, quindi, secondo le prime stime, dovrebbe arrivare ad aprile. A stamparle, ricordiamo, sarà l’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato. Entrando nei dettagli, inoltre, bisogna sapere che la Disability Card avrà una durata di dieci anni. Trascorso questo lasso di tempo, pertanto, i soggetti interessati dovranno provvedere al relativo rinnovo.

Disability Card, le dichiarazioni di Erika Stefani e Pasquale Tridico

“La Disability Card va a sostituire tutti i certificati cartacei, portando semplificazione, sburocratizzazione e digitalizzazione“, ha scritto su Facebook il ministro per le Disabilità Erika Stefani.

Per poi aggiungere: “Questo progetto, che nasce grazie alla collaborazione con la Federazione italiana per il superamento dell’handicap (Fish) e della Federazione tra le associazioni di persone con disabilità (Fand) vuole rispondere alle esigenze della disabilità non solo sul piano dell’assistenza e dei servizi ma anche alle esigenze di futuro di queste persone“.

In particolare grazie a questa sorta di “carta d’identità” dei disabili, i soggetti interessati avranno la possibilità di poter usufruire di numerosi convenzioni, sconti e tariffe agevolate. Ne è un chiaro esempio una convenzione con il ministero della Cultura per permette alle persone con disabilità di poter accedere gratuitamente ai musei pubblici.

LEGGI ANCHE >>> Reddito di cittadinanza e falsi invalidi, occhio ai furbetti: rubati 15 miliardi in due anni

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Sull’argomento è intervenuto anche il presidente dell’Inps Pasquale Tridico, che a sua volta ha definito la Disability Card “un oggetto vivo, uno strumento in continua evoluzione destinato ad una platea importante, che soprattutto dopo il Covid, è arrivata a 4 milioni di persone“. Una novità importante che “semplifica la vita dei nostri utenti più fragili“.