Le possibilità di lavoro per diplomati seppur non molteplici ci sono, ma vanno colte al balzo. Eccone alcune che potrebbero fare al caso di coloro che sono sprovvisti di laurea

Lavoro non diplomati
Fonte Pixabay

Il tema del lavoro è da sempre uno dei tasti dolenti del nostro paese. Una situazione già deficitaria da tempo, che con l’arrivo improvviso del Covid è ancor più compromessa. Soprattutto per i giovani, non è affatto semplice trovare un impiego stabile e ben retribuito. 

In generale le possibilità di assunzione sono in ribasso, ma nonostante ciò non bisogna arrendersi. È necessario continuare a cercare, perché prima o poi qualche opportunità affine viene sempre alla luce.

Attualmente ad esempio si stanno aprendo diverse possibilità nella Pubblica Amministrazione. Il ministro Brunetta sta varando dei provvedimenti volti ad al cambio generazionale nelle Pa, con tanto si semplificazione delle procedure concorsuali.

Lavoro per diplomati: le opportunità previste nella pubblica amministrazione

A tal proposito sono diversi i bandi (tra cui il numero 72 pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 10 settembre 2021) che le pubbliche amministrazioni stanno aprendo, che variano per area di competenza e soprattutto per titolo di studio. Ma non bisogna disperare, anche chi non ha conseguito una laurea ha le sue chance da giocarsi, così come previsto dal bando della regione Piemonte.  

Naturalmente chi ha una laurea magistrale ha dei canali preferenziali e delle possibilità diverse come è giusto che sia. Ma anche per i diplomati ci sono dei ruoli in serbo. In totale sono 50 su 280 i posti riservati a chi ha concluso le scuole superiori. 

Nello specifico si tratta di una posizione economica C1, a tempo pieno e indeterminato per il profilo professionale di collaboratore amministrativo-contabile. Insomma, un ruolo di tutto prestigio che potrebbe cambiare totalmente le prospettive lavorative di tanti giovani.

LEGGI ANCHE >>> Amazon offre nuove opportunità di lavoro: requisiti e mansioni richieste

Ad ogni modo è sempre meglio consultare il bando (disponibile sul portale della Regione Piemonte) per conoscere meglio tutte le regole del caso ed eventuali limitazioni (spesso e volentieri alcuni posti sono riservati solo ed esclusivamente alle categorie protette). La speranza per il futuro c’è, seppur in questo momento sembri piuttosto flebile.