La pensione a 57 anni è un traguardo raggiungibile per le donne rimaste senza lavoro. Approfondiamo l’alternativa alla pensione di vecchiaia rivolta alle disoccupate.

Unsplash

Rimanere senza lavoro a 57 anni, a pochi anni dalla pensione di vecchiaia, è una condizione che spaventa e impensierisce tante donne. L’Opzione donna consente di ovviare al problema approfittando di una interessante alternativa, la pensione anticipata. Eppure, tale opportunità rimarrà probabilmente solo per il 2021 dato che non è previsto il rinnovo dell’opzione nel 2022.

Leggi anche >>> Quale sarà l’importo della pensione? Come semplificare il calcolo per prevedere il futuro

In pensione a 57 anni, ecco come

Il pensionamento anticipato possono richiederlo le donne che hanno compiuto 58 anni e hanno alle spalle 35 anni di contributi. L’età di alza a 59 per le lavoratrici autonome. Di conseguenza, le disoccupate di 57 anni hanno un anno di attesa per accedere alla misura Opzione Donna. Gli anni di contributi dovranno comunque essere rispettati così come i versamenti di tali contributi alla gestione FPLD.

Il futuro di Opzione donna è alquanto incerto. Alcune voci parlano di rinnovo per un altro anno, altri ne prevedono la cancellazione. Purtroppo il tema risulta meno importante e, dunque, meno discusso rispetto ad altre questioni come, prima tra tutti, Quota 100.

Leggi anche >>> Pensioni, riprendono i dibattiti: gli scenari per il dopo Quota 100

L’alternativa a Opzione donna

Le disoccupate possono andare in pensione a 57 anni approfittando dell’Opzione donna, le casalinghe quali alternative hanno? Tutto dipende dall’iscrizione al Fondo Casalinghe che prevede la possibilità di uscita anticipata a 57 anni qualora siano stati versati almeno 5 anni di contributi. In più, altro requisito necessario è che l’ammontare dell’assegno pensionistico non sia inferiore di 1,5 volte rispetto all’assegno sociale dell’INPS. L’importo dell’assegno sociale per il 2021 ricordiamo essere di 460,28 euro. Calcoli alla mano, la pensione relativa al Fondo Casalinghe dovrà superare i 690,42 euro al mese. 

E’ facilmente comprensibile come tale vincolo consenta a pochissime donne casalinghe di accedere alla pensione anticipata prevista dal Fondo. La maggior parte dovrà attendere i 65 anni per accedere alla pensione di vecchiaia e poter sostenere un adeguato stile di vita.