Una mail ed anche una finta promozione Facebook, tutto a nome della catena Lidl: ecco l’ultimo tentativo degli hacker.

Tra e-mail e Facebook, stanno tentando di truffarci. Logicamente, come sempre accade in questi casi, la vera azienda di cui viene usato il nome, non ne sapeva nulla. In questo caso, parliamo della Lidl.

Questo, il messaggio che potremmo aver letto a nome di Lidl Italy, “Lidl sta terminando la sua partnership con Silvercrest e offre Monsieur Cuisine Connect a €1,99. Per partecipare è necessario compilare un semplice modulo”. Non è vero nulla, così come si trattava di truffa, il precedente messaggio legato ad un altro supermercato famoso.

Leggi anche>>> Tutti fuggono da WhatsApp, e non per la privacy: cosa dicono gli esperti

Mail e messaggio Facebook: il phishing a nome Lidl

Non solo il nome Lidl, sfruttato per il tentativo di phishing, ma anche il marchio Lidl che ci fa credere che stavolta si tratti di qualcosa di vero. Per fortuna, sembra che la truffa sia terminata, almeno sul social Facebook, con la società che è riuscita a risalire al profilo e cancellarlo, ma per le e-mail non è ancora stata stoppata la via che potrebbe farvi raggirare dai malintenzionati, quindi state attenti.
Quello di usare il nome ed il marchio di una data azienda per rendere le cose quanto più credibili possibile, è un metodo ormai molto usato dagli hacker. Anche marche di abbigliamento ed altri prodotti sono state fittiziamente sponsorizzate per raggiungere i nostri dati. A riprova della cosa, gira per esempio un sms a nome Intesa San Paolo, a cui bisogna fare attenzione.

Leggi anche>>> Partenze e restrizioni: chi fa il furbo rischia la galera

Quella usata negli ultimi tempi a nome Lidl è una truffa a cui è facile abboccare, perché nello specifico viene offerto un robot da cucina multifunzione della linea Silver Crest ad un prezzo inferiore del 99% rispetto al vero, dal momento che costa sui 399 euro. Ricordiamo che anche se immaginiamo fosse cosa di poco conto inserire le proprie informazioni anche senza fare riferimento alle nostre carte di credito, questo è pericoloso. Il perché è semplice, ai truffatori bastano quelle informazioni per riuscire a rubarci i soldi.