Il Bonus per trasferirsi in montagna è a quattro zeri. La regione Piemonte regala occasioni imperdibili, scopriamo i requisiti da soddisfare.

Bonus montagna Piemonte
Pixabay

La regione Piemonte desidera finanziare le famiglie che intendono andare a vivere in montagna con un Bonus da 40 mila euro. La misura, detta di Residenzialità, prevede la soddisfazione di alcuni requisiti per potervi accedere ed ottenere, così, un interessante aiuto economico per iniziare a vivere a contatto con la natura, immersi in paesaggi da sogno. Il bando di riferimento è stato attivato a settembre ma ora sono giunti nuovi finanziamenti dedicati a chi vuole acquistare una casa oltre i 600 metri sul livello del mare in Piemonte.

Il bando del bonus montagna da 40 mila euro

Nel bando del Bonus Residenzialità sono specificate condizioni, requisiti e modalità di accesso alla misura. Iniziamo con il dire che i contributi erogati partono da un minimo di 10 mila euro fino ad un massimo di 40 mila. L’importo verrà erogato esclusivamente ai richiedenti che decideranno di trasferirsi in uno dei 465 comuni montani la cui lista è inserita nel bando. Parliamo di cittadine con meno di 5 mila abitanti che grazie al bonus montagna potranno assistere ad una rinascita. In più, condizione necessaria per ottenere l’importo desiderato è trasferire la propria residenza nel comune scelto.

Altri dettagli del bando

L’accesso al bonus dall’importo massimo di 40 mila euro è consentito sia a chi intende acquistare un immobile come prima casa in uno dei 465 comuni montati previsti dal bando sia a chi vuole ristrutturare un’abitazione. In base alla decisione presa, occorrerà tenere conto di diverse condizioni.

Volendo comprare una prima casa, è requisito fondamentale che l’atto di compravendita venga firmato entro sei mesi dal momento dell’approvazioni in graduatoria del richiedente. In caso di recupero di un immobile, invece, condizione primaria è l’attuazione dei lavori entro 18 mesi dall’accettazione della richiesta di accesso al bando. Per tutti i partecipanti, poi, vige l’obbligo di residenza nell’immobile acquistato o recuperato. Non potrà, dunque, essere adibito a b&b oppure ad agriturismo.

Requisiti di partecipazione, chi sono i destinatari della misura

La partecipazione al bando per ottenere il bonus per il trasferimento in montagna è concessa ai cittadini italiani o di un altro Stato dell’UE a condizione del possesso del permesso di soggiorno di minimo 10 anni. Inoltre, i richiedenti dovranno essere maggiorenni e l’anno di nascita dovrà essere successivo al 1955; dovranno essere residenti in un comune italiano non montano e non aver ricevuto altri contributi legati all’acquisto di un immobile.

Leggi anche >>> Case a 1 euro, l’occasione c’è ma gli obblighi pure: ecco quanto si spende davvero

Come accedere al Bonus montagna e scadenza del bando

L’inoltro della domanda di partecipazione al bando dovrà avvenire telematicamente seguendo la procedura indicata sul sito della Regione Piemonte. Sarà necessario fornire i dati anagrafici, la localizzazione dell’immobile, l’indirizzo PEC che fungerà da contatto e certificare il pagamento della marca da bollo di 16 euro.

La scadenza per l’invio delle richieste è prevista il 15 dicembre alle ore 12.00.