Sono plurimi i contratti siglati da Chiara Ferragni con note case di moda tra collaborazioni e produzione di collezioni di abbigliamento, tali da influire sul mercato azionario. Come?

Chiara Ferragni Mercati finanziari

Chiara Ferragni, con circa 21 milioni di follower su Instagram è una delle Fashion Blogger e delle Influencer più seguite al mondo.

Il suo blog, The Blonde Salad oggi non è solo un semplice blog sulla moda, ma è anche un punto di riferimento nel settore fashion che ha portato la Ferragni a collaborare con le più note e prestigiose luxury & fashion brand.
La Ferragni è anche stilista, infatti, ha creato e firmato diverse collezioni di moda.

Il patrimonio di Chiara Ferragni si aggira intorno ai 10 milioni di euro; oggi la sua azienda conta 25 dipendenti e gestisce un e-commerce tutto suo.

LEGGI ANCHE >>> Superbonus 110%, la falsa mail che può costare caro a tutti

Chiara Ferragni e le operazioni finanziarie che risvegliano i mercati

investimenti
Fonte pixaby

Che Chiara Ferragni avesse un impatto sui mercati finanziari non è una novità. Da quando l’influencer ha siglato contratti con importanti case di moda i titoli sui mercati azionari sono andati alle stelle.

Basti pensare all’ accordo chiuso con Monnalisa, l’azienda di abbigliamento per bambini con sede ad Arezzo, è stata fondata nel 1968 da Piero Iacomoni e Barbara Bertocci.

Monnalisa, quando ha chiuso l’accordo con  la moglie di Fedez, ha visto le azioni salire del 60% sul segmento Aim di Borsa Italiana.

A settembre è stato siglato un accordo di licenza pluriennale con Velmar, per la produzione e distribuzione delle sue collezioni di intimo e beachwear.

Lo stesso è avvenuto per Aeffe, una società per azioni italiana, costituita nel 1988, che opera a livello internazionale nel settore del lusso ed è attivo nella creazione, nella produzione e nella distribuzione di un’ampia gamma di prodotti che comprende prêt-à-porter, calzature e pelletteria, lingerie e beachwear.

Con la Ferragni, Aeffe ha centrato un +15,23%. Il titolo, presente sul segmento Star, per un periodo è stato fermato in volatilità. Verso il termine della seduta il titolo è stato fissato a 1,12 euro.

Per tutte queste aziende è bastato dire in giro dell’accordo fatto con la Ferragni, per vedere schizzare i titoli sui mercati azionari. Infatti, la storia, in pochi mesi si ripete

LEGGI ANCHE >>> Reddito di cittadinanza: quando avverà il pagamento di novembre 2020?