Inps, affrettatevi, bonus fino a 800 euro al mese per chi presenta domanda entro questa data

Affrettatevi, in quanto c’è chi ha diritto ad ottenere un bonus fino a 800 euro al mese nel caso in cui si presenti apposita domanda entro questa data.

Buone notizie in arrivo per molti contribuenti che, in possesso di determinati requisiti, possono beneficiare di un bonus fino a 800 euro al mese per sei mensilità. Questo a patto di presentare apposita domanda entro questa data. Ma di quale si tratta? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

inps bonus
Foto © AdobeStock

In un contesto particolarmente complicato come quello che stiamo vivendo, segnato da un preoccupante aumento generale dei prezzi, non crea stupore il fatto che siano in tanti a volgere un occhio di riguardo a bonus e agevolazioni. Proprio quest’ultimi, d’altronde, consentono di beneficare di importanti aiuti economici grazie ai quali poter far fronte alla situazione.

A tal proposito, ad esempio, abbiamo già avuto modo di vedere assieme che sono previsti aumenti da 50 euro fino a 150 euro in busta paga e bonus da 150 euro in arrivo per  molti lavoratori. Se tutto questo non bastasse, giungono buone notizie per molti contribuenti.

Quest’ultimi, infatti, purché in possesso di determinati requisiti, possono beneficiare di un bonus fino a 800 euro al mese per sei mensilità. Questo a patto di presentare apposita domanda entro questa data. Ma di quale si tratta? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Inps, affrettatevi, bonus fino a 800 euro al mese per chi presenta domanda entro questa data: cosa c’è da sapere

Come già detto, giungono buone notizie per molti contribuenti che, in possesso di determinati requisiti, possono beneficiare di un bonus fino a 800 euro al mese per sei mensilità. Questo a patto di presentare apposita domanda entro questa data. Ma di cosa si tratta e soprattutto chi ne ha diritto?

Ebbene, bisogna sapere che con la Legge di Bilancio 2021 è stata approvata per il triennio 2021 – 2023 l’indennità ISCRO. Quest’ultima, in pratica, si presenta come una specie di cassa integrazione a favore dei lavoratori autonomi e professionisti con partita IVA che non risultino iscritti ad alcun albo. Entrando nei dettagli ne hanno diritto i titolari di partita Iva da almeno quattro anni che risultano iscritti alla Gestione Separata Inps.

Grazie a questo bonus, ricordiamo, è possibile beneficiare di un’indennità che va da un minimo di 250 euro al mese fino ad un massimo di 800 euro, per un massimo di sei mensilità. Questo a patto che i soggetti richiedenti, oltre ai requisiti poc’anzi citati, abbiano dichiarato, l’anno precedente alla presentazione della domanda stessa, un reddito inferiore a quota a 8.145 euro.

Ma non solo, bisogna essere in regola con i versamenti dei contributi obbligatori e dimostrare di aver registrato un calo del fatturato pari almeno al 50%. Quest’ultimo rispetto alla media dei redditi da lavoro autonomo conseguiti nei tre anni precedenti a quello in cui si presenta apposita richiesta.

Inps, affrettatevi, bonus fino a 800 euro al mese per chi presenta domanda entro questa data: come funziona

È necessario, poi, rispettare determinate tempistiche. Per poter ottenere l’indennità Iscro, infatti, è necessario presentare apposita domanda entro e non oltre il prossimo 31 ottobre 2022. Un’operazione, quest’ultima, estremamente semplice che può essere effettuata telematicamente.

Questo semplicemente accedendo al sito dell’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale tramite SPID, CIE o CNS. In alternativa è possibile rivolgersi ad un patronato, oppure, come si evince sempre dal sito dell’istituto di previdenza:

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

“la prestazione ISCRO può essere richiesta tramite il servizio di Contact Center integrato, telefonando al numero verde 803 164 da rete fissa (gratuitamente) oppure al numero 06 164164 da rete mobile (a pagamento, in base alla tariffa applicata dai diversi gestori)”.