Sportelli Bancomat, l’addio è vicino: quando (e perché) possono sparire

Gli sportelli Bancomat vanno in direzione di un addio? La riposta è legata alle nuove tecnologie che avanzano e alla lotta all’evasione.

Alcune filiali di istituti di credito hanno già eliminato gli sportelli ATM e altre banche si apprestano a farlo. Scopriamo da cosa dipende questo cambiamento a cui dovremo abituarci.

bancomat addio
Adobe Stock

La lotta al contante non è più un mistero da tanto tempo. Al fine di ridurre l’evasione fiscale, il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo, il Governo sta pian piano mettendo al bando il contante disincentivandone l’uso. L’accesso ai bonus, ad esempio, prevede come requisito indispensabile il pagamento delle spese ammissibili tramite mezzi di pagamento tracciabili come carte di credito, bonifici e assegni. Gli esercenti, poi, sono “invogliati” a prediligere l’uso del POS rispetto ai contanti con nuove direttive e agevolazioni. Inoltre, il limite di pagamento in contanti è stato abbassato a 999,99 euro dallo scorso 1° gennaio 2022. Meno contante significa meno prelievi e, di conseguenza, un utilizzo inferiore degli sportelli ATM. Sarà addio al Bancomat?

Sportelli Bancomat, pronti a sparire?

L’uso di carte di credito, debito e bancomat è incentivato dal Governo dato che fanno parte dei famosi mezzi di pagamento tracciabili tanto graditi al Fisco. Oltre alla tracciabilità, i trasferimenti di denaro sono tassabili e incrementano l’obiettivo del cashless promosso dalla politica italiana.

Un uso limitato del contante, però, rende piuttosto inutile la presenza degli sportelli ATM. L’unico compito attuale è quello di consentire i prelievi dato che qualsiasi altra operazione, anche quelle sostitutive dei contanti, possono tranquillamente avvenire con mezzi telematici accedendo, per esempio, all’Home Banking della propria banca. Per fare un bonifico bastano pochi click nell’apposita sezione; per pagare una bolletta basta inquadrarla così come un semplice QR-Code permetterà di effettuare pagamenti del sistema Pago In Rete. La conseguenza inevitabile sarà una graduale sparizione degli sportelli ATM così come noi li conosciamo.

Cosa aspettarsi dal futuro

Il numero degli sportelli Bancomat sul territorio italiano sta diminuendo sempre di più. Alcuni istituti di credito – come ING Direct – hanno rimosso non solo gli sportelli ma anche le filiali per dedicarsi esclusivamente ai servizi online più semplici da gestire e meno onerosi. Altre banche potrebbero optare per questa drastica soluzione ed adattarsi alle novità apportate dalla tecnologia già presenti nelle cosiddette banche “moderne” come N26.

In realtà, siamo ancora lontani dal dover immaginare un mondo senza sportelli ATM. Si assisterà sicuramente a novità importanti come l’erogazione dei contanti nelle farmacie ma tutti noi potremo ancora utilizzare monete e banconote per pagare beni e servizi per parecchio tempo.