L’Assegno Unico Universale è la grande novità del 2022 che genera ancora qualche dubbio. Con una pratica guida passeremo al vaglio i punti più importanti per avanzare richiesta della misura.

assegno unico universale domanda
Adobe Stock

Protagonista indiscusso del 2022 è l’Assegno Unico Universale che sostituisce i bonus per la famiglia e gli assegni familiari. A partire dal mese di marzo l’assegno comincerà ad essere erogato ma i cittadini dovranno farne richiesta entro febbraio per ottenerlo. La domanda può già essere inoltrata, con o senza ISEE, seguendo una procedura resa nota dall’INPS. Scopriamo i passaggi da seguire e a quanto ammonta l’importo dell’assegno.

Figli disabili, un aiuto insperato: si chiama Assegno unico, come averlo

Assegno Unico Universale, quando inviare la domanda

La nuova misura del 2022 è definita unica dato che intende finalizzare e potenziare gli interventi mirati a sostenere la genitorialità e la natalità e universale visto che è garantita a tutte le famiglie con figli a carico. La domanda di accesso dovrà essere presentata una volta all’anno per poter ottenere le mensilità dal mese di marzo fino al mese di febbraio dell’anno successivo.

L’inoltro della richiesta parte dal 1° gennaio e ha come tempo limite il mese di febbraio per poter cominciare a ricevere i pagamenti dal mese di marzo. Superando tale limite ma rientrando entro il 30 giugno 2022 si potranno ricevere gli arretrati nel momento in cui la domanda verrà presentata. Chi consegnerà la domanda dal 1° luglio in poi, invece, vedrà decorrere l’assegno dal mese successivo a quello dell’inoltro e l’importo verrà calcolato in base all’ISEE del momento.

Come procedere con l’inoltro

La domanda dell’Assegno Unico Universale può essere inoltrata accedendo al portale dell’INPS ed entrando nell’apposita sezione. Ricordiamo che l’accesso è consentito unicamente tramite identità digitale. Occorre avere, dunque, lo Spid di livello due minimo oppure la Carta di Identità Elettronica oppure la Carta Nazionale dei Servizi.

Assegno unico 2022, occhio allo Spid: l’errore che potrebbe costarvi caro

L’alternativa consiste nel telefonare al numero verde 803 164 se si chiama da rete fissa (gratuito) oppure al numero 06 164 164 se si chiama da mobile con tariffa variabile in base al proprio operatore. Infine, è possibile richiedere l’aiuto dei patronati per procedere con il corretto inoltro della domanda.

Qual è l’importo dell’Assegno Unico Universale?

L’importo della misura è determinato dal reddito e dal patrimonio del nucleo familiare. Di conseguenza occorre presentare l’ISEE per ottenere la somma spettante in base alla propria fascia di appartenenza. E’ possibile richiedere l’assegno anche senza presentare l’ISEE ma occorre considerare che in questo modo si otterrà l’importo minimo previsto per chi ha il valore dell’indicatore superiore ai 40 mila euro, ossia 50 euro a figlio.

L’importo maggiore è, invece, di 175 euro per chi ha un ISEE inferiore a 15 mila euro. Sono previste maggiorazioni per i nuclei familiari con un componente con disabilità oppure per le madri single.