L’INPS sta procedendo con l’erogazione dei pagamenti dei Bonus dedicati a famiglie, lavoratori e persone che vivono in condizioni disagiate. 

Adobe Stock

Il mese di luglio ha come protagonisti i pagamenti INPS in relazione all’erogazione dei contributi previsti dai vari decreti-Legge. Il Governo ha l’obiettivo di sostenere le famiglie e le persone che versano in condizioni di difficoltà a causa della pandemia e della crisi economica. Le agevolazioni nascono con l’intento di risollevare le sorti di specifiche categorie e, di conseguenza, prevedono dei requisiti da soddisfare per potervi accedere. Chi ha fatto domanda dei Bonus avendone diritto potrà a breve ricevere quanto spetta e ricominciare a respirare profondamente in questa calda estate.

Leggi anche >>> Bonus baby sitter: approfittane con l’estate 2021

Pagamenti previsti a luglio dall’INPS

La maggior parte dei pagamenti di luglio coinvolgeranno le famiglie italiane che hanno uno o più figli. Tra le misure ideate per i nuclei familiari ricordiamo il bonus bebè e l’assegno unico universale oltre al Bonus Centri Estivi e al bonus baby sitter. Il Governo, però, si rivolge non solo alle famiglie con figli ma anche a quelle che non hanno figli e che versano in condizioni sociali ed economiche svantaggiose. Il riferimento, in questo caso, è al reddito di emergenza o alla pensione di cittadinanza.

Parliamo di accrediti sulla carta reddito di cittadinanza per tutte quelle persone che sono state duramente colpite dalla pandemia e che non riescono a sostenere un affitto o altre spese base.

Leggi anche >>> Bonus Irpef: ottime notizie per i lavoratori

Aiuti a disoccupati e lavoratori in difficoltà

Adobe Stock

Luglio vedrà procedere con i pagamenti in favore dei disoccupati che hanno perso il lavoro in maniera non volontaria a causa della crisi economica. A questa categoria di persone verrà riconosciuta l’indennità Naspi mentre i lavoratori colpiti dalla pandemia che hanno subito drastiche riduzioni dello stipendio o chiusure improvvise potranno ottenere l’importo di 1.600 euro del Bonus Inps.

I pensionati, poi, vedranno anticipare la data di erogazione della pensione seguendo un calendario stabilito da Poste Italiane. Venerdì 25 giugno potranno ritirare la pensione i pensionati con il cognome che inizia per A o per B mentre gli ultimi ad ottenere l’importo saranno le persone con iniziale del cognome da S a Z il giorno 1° luglio.