Il prodotto pericoloso potrebbe finire sulle nostre tavole: secondo la società chi ne ha ingerito, non subirebbe comunque gravi danni

Biscotti Deluxe Lidl (Fonte foto: web)

Fortuna che ci sono i controlli, spesso così tempestivi da non far arrivare prodotti pericolosi sulle nostre tavole. Bene però, sempre controllare, ed allora, ancor prima di parlarvi del prodotto di questo articolo, ecco anche dei lotti di tonno ritirati e di cui un’unità, potreste avere in casa.

I problemi possono essere spesso davvero pericolosi, i più fortunati possono cavarsela con un paio di giorni in ospedale, ma quando qualcosa di tossico finisce nel cibo, le previsioni non sono mai delle migliori, perché viene direttamente ingerito. Ecco cosa sappiamo.

Leggi anche>>> Viaggio in vista? Meglio assicurarsi, ma occhio alle clausole

Qual è il prodotto potenzialmente pericoloso della Lidl

La stessa catena Lidl si è premurata di comunicare che ci sono prodotti che verranno ritirati dal mercato, perché probabilmente venuti a contatto con ossido di etilene. In pratica, vi è finita dentro, la sostanza chimica usata nei disinfettanti e negli sterilizzanti. Uno di questi ingredienti, del peperoncino, sarebbe stato contaminato, da questo pericoloso materiale.

Ma non solo quello che arriva sulle nostre tavole, può essere nocivo: pochi giorni fa anche Ikea è stata costretta a ritirare un suo prodotto. Tornando però alla Lidl, quel di cui bisognerebbe preoccuparsi, è il prodotto Deluxe, scatola di biscottini farciti, per intenderci. I lotti da controllare, sono: 21005A; 21025M; 21003M. Se avete in casa una confezione appartenente a questi lotti, non consumate il prodotto, in via precauzionale.

Leggi anche>>> Siti mondiali in down: gli interrogativi sull’affidabilità della cybersecurity

Le confezioni Deluxe, vengono confezionate dall’azienda Ajinomoto Frozen Foods France, a Castelsarrasin in Francia. Questo, il comunicato dell’azienda a proposito del ritiro dei biscotti: “Vista l’esigua quantità di tale ingrediente nel prodotto finito, si rassicurano i clienti che quest’ultimo non costituisce pericolo per la salute (concentrazione presunta di ossido di etilene nel prodotto finito pari a 0,0000183 mg/kg)”.