Un rimborso di 200 euro sull’assicurazione auto: no, non è uno scherzo, per una volta il Fisco invece di detrarre, restituisce

Auto (Fonte foto: web)

Ci sono tantissime agevolazioni di cui potremmo usufruire e che se non siamo bravi, rischiamo di perderci. Infatti, in molti non si informano a dovere, al momento di dover compilare il modello 730, quando in dichiarazione dei redditi, potrebbero risparmiare qualcosa, anche sull’auto.

A dire il vero, ci sono diversi modi per non pagare bollo ed assicurazione, nel modo più legale in assoluto. Al di là di questi trucchetti però, in molti si chiedono se attraverso il 730, è possibile anche risparmiare sulle spese della polizza assicurativa. La risposta è sì ed infatti diversi automobilisti, riceveranno a breve un rimborso di 200 euro.

Leggi anche>>> Aumenta tutto: prezzi alle stelle e automobilisti preoccupati

Per chi arriverà il rimborso sull’assicurazione dell’Agenzia delle Entrate

Alcune categorie di contribuenti hanno assoluto diritto ad indennità fiscali per quanto riguarda le spese di un’auto. Non solo si parla di chi ha disabilità in famiglia, ma anche i proprietari di vetture che potranno detrarre fino al 19% delle spese che hanno sostenuto per la stipula del premio assicurativo. A proposito di assicurazioni, c’è ormai tantissima attitudine a stipularle online, ma attenti sempre alla truffa.

Ma quali sono quindi i fortunati automobilisti che hanno diritto alla detrazione del 19% delle spese? Coloro che stipulano ad esempio, una polizza che riguardi i rischi di morte o di invalidità permanente pari o superiore al 5% oppure per gli infortuni al conducente. Per chi stipula quest’ultimo tipo di contratto, c’è il diritto di scaricare il 19% con un massimale di spese di 530 euro.

Leggi anche>>> Risparmiare fino a 300 euro sull’Rc auto: si può, con delle semplici mosse

Per poter ottenere i benefici di cui prima, bisogna poter rispettare alcuni requisiti, tra cui è assoluta priorità, il pagamento tracciabile. Questo vuol dire che è necessario conservare la documentazione relativa al pagamento con strumenti elettronici e garantire la coincidenza tra contraente della polizza e assicurato. Inoltre, il reddito del proprietario della vettura, non deve superare quota 120.000 euro.