Ancora un nuovo aspetto per il Decreto Sostegni bis, diverse aziende potranno beneficiare di una riduzione della Tari

Tassa sui rifiuti (Fonte foto: web)

Decreto Sostegni bis, tantissime novità. Purtroppo, in un momento di crisi economica per tutti, non tutte faranno piacere. Un esempio di indiscrezioni che non piacciono al pubblico, sono i 10 milioni stanziati per i tamponi effettuati dalle squadre di Serie A, ma ci sono anche belle iniziative.

Infatti, in tanti potranno godere delle agevolazioni sulla Tari, la tassa sui rifiuti, che non tutte le attività economiche dovranno pagare in egual misura. Naturalmente, c’è proprio la crisi economica dovuta alla pandemia, dietro a tutto questo, ma capiamo bene per chi è possibile usufruire del sostegno.

Leggi anche>>> Decreto Imprese, esultano le Partite IVA: 40 miliardi per abbattere i costi fissi

Chi beneficerà della riduzione sulla Tari

I beneficiari della riduzione sulla tassa dei rifiuti, rientreranno nel fondo stanziato nella bozza del Decreto Sostegni bis, di ben 600 milioni. I comuni, possono detrminare, in concomitanza con i criteri di semplificazione procedurale e se possibile con mezzi tecnologici, le modalità delle presentazioni delle domande d’accesso dei contribuenti, con un occhio di riguardo per le attività più a rischio.

I 600 milioni di cui prima, andrebbero a completare le risorse impiegate in questo campo, dai comuni stessi. Il Decreto Sostegni bis, che presenta novità importanti anche per gli agricoltori, aiuta di fatto proprio i singoli comuni, che poi a loro volta possono estendere le agevolazioni con oneri a carico del proprio bilancio, andando ad utilizzare i beni già assegnati nel 2020 e che non sono stati impiegati.

Leggi anche>>> Canone Rai obbligatorio: cosa si rischia se non si paga

Le misure adottate, nascono nello specifico “in considerazione del perdurare dell’emergenza epidemiologica Covid-19, al fine di attenuare l’impatto finanziario sulle categorie economiche interessate dalle chiusure obbligatorie o dalle restrizioni nell’esercizio delle rispettive attività”. In queste ci sono logicamente le varie attività di ristorazione, ma anche di hotel, case vacanza e tanti altri luoghi destinati all’accettazione per il turismo.