Ad annunciare l’introduzione del bonus offerto da Acea è stato il presidente Claudio Cosentino, che ha spiegato anche a chi è rivolto 

Roma, Acea
Fonte Pixabay

La crisi covid si è abbattuta su tutta l’Italia e naturalmente anche sulla Capitale, che con il drastico calo dei turisti sta attraversando una fase di magra senza precedenti. Una situazione che ha generato notevoli difficoltà a molte famiglie, che fanno più fatica ad adempiere alle spese per utenze domestiche. 

Per questo motivo oltre ai bonus elargiti dal Governo, anche l’Acea (azienda di energia elettrica e gas che opera maggiormente a Roma e provincia) ha deciso di fare la sua parte e di venire in contro ai propri clienti residenti o domiciliati nella città Eterna. Ad annunciarlo è stato direttamente il presidente di Acea Claudio Cosentino. 

LEGGI ANCHE >>> Luce e gas: previsti rincari ad aprile, ma esiste un modo per risparmiare

Acea: in cosa consiste il bonus previsto per i romani in difficoltà

Nello specifico si tratta del bonus idrico integrativo, che può arrivare a coprire fino al 100% degli importi dovuti per le bollette dell’acqua nell’anno 2021. Inoltre può essere utilizzato anche per i consumi arretrati non ancora saldati.

Dunque, uno strumento molto interessante per i cittadini di Roma e dell’area metropolitana, ma per potervi accedere ci sono dei particolati vincoli da considerare. In realtà bisogna tener conto unicamente dell’ISEE rapportato al numero dei componenti del nucleo familiare. Di seguito ecco la suddivisione delle fasce:

  • Famiglia composta da 3 persone con ISEE fino a 13.939 euro,
  • Nucleo familiare di 4 persone con ISEE entro 15.989,
  • Famiglia con 5 o più componenti che non abbia un ISEE più alto di 18.120 euro. 

LEGGI ANCHE >>> Luce e gas: gli aumenti che non piacciono agli italiani

Per quanto concerne il valore del bonus varia da 43 euro a 75 euro a persona all’anno. Quindi, una famiglia di 4 composta da 4 membri può arrivare a un risparmio totale annuale di 300 euro. Di fatto è come se si usufruisse gratuitamente del servizio, a patto naturalmente che i consumi non siano spropositati.

C’è tempo fino al 31 dicembre 2021 per richiederlo. Basta compilare un modulo online al quale allegate una bolletta e l’attestato ISEE. Il bonus è stato approvato per 4 anni, dal 2020 al 2023, ma andrà richiesto anno dopo anno visto che potrebbero esserci variazioni nel modulo ISEE.