Il bonus baby sitting torna a far parlare di sé, Il motivo è la possibilità di richiederlo online: tutti i dettagli.

bonus baby sitting
(Fonte: Pixabay)

Il Decreto Legge del 13 marzo 2021 ha senza alcun dubbio previsto molte misure che, ancora oggi, stanno facendo discutere e chiacchierare. Tra queste a spiccare è inevitabilmente il bonus baby sitting. Ed ecco che, la procedura per richiedere quest’ultimo, è stata attivata proprio da oggi. Sono tante le cose che ci sono da sapere su questa forma di benefit e di supporto. Ed è per questo che è giusto entrare nello specifico e nel dettaglio.

Innanzitutto va detto che sono davvero cambiate molte cose, a partire dalla modalità di inoltro della domanda. Questo è un aspetto a dir poco basico e fondamentale, che merita un discorso a parte per sciogliere tutti i dubbi e tutte le perplessità che possono sorgere su un argomento comunque molto importante.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Bonus Baby sitter, l’Inps fa la conta: ecco chi resta fuori

Bonus baby-sitting, la domanda si può fare online: i dettagli

(Fonte: Pixabay)

Tenendo conto del fatto che sono necessari dei requisiti fondamentali e imprescindibili, le attenzioni ora si stanno concentrano su ben altro. L’attrazione è il fatto che, oltre che tramite gli Enti patronati, la domanda può essere inoltrata attraverso il sito internet www.inps.it. Entrando maggiormente nel dettaglio, si dovrà compilare l’apposito servizio online Bonus servizi di babysitting. Questo è disponibile seguendo un particolare percorso:

  1. Prestazioni e servizi;
  2. Tutti i servizi;
  3. Domande per Prestazioni a sostegno del reddito;
  4. Bonus servizi dibabysitting.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Bonus baby sitter: a guadagnarci sono stati i nonni

Per concludere si può dire che ci sta un’altra importante possibilità e modalità. Infatti i cittadini possono anche presentare domanda mediante l’applicazione web, accedendo al servizio mediante riconoscimento dell’identità digitale tramite SPID almeno di livello 2, Carta di identità elettronica (CIE), Carta nazionale dei servizi (CNS), ovvero tramite il PIN di tipo dispositivo rilasciato dall’Istituto. Insomma, una digitalizzazione delle richieste che porterà senza alcun dubbio a una maggiore semplicità e a una netta accelerazione dei tempi. Ora non resta che attendere e aspettare quale sia il volume delle domande presentate per trarre una conclusione.