Bonus baby sitter: a guadagnarci sono stati i nonni

Il bonus stanziato dal Governo ha prodotto un risultato davvero inatteso. Nella maggior parte dei casi ci si è pagati i nonni.

Reddito di cittadinanza quasi salvo, arrivano altri soldi contro la povertà
Soldi del bonus (Fonte foto: Pixabay)

Indubbiamente tra le forme di sostegno in piena epidemia di covid più apprezzate deagli italiani. Il bonus baby sitter, ha messo, per una volta, tutti d’accordo. Ad averne diritto, le famiglie con entrambi i genitori occupati con prole. Una considerazione più che valida insomma, scuole chiuse, bambini a casa genitori a casa, bambini al lavoro, qualcosa non torna. Ed ecco l’intervento dello Stato, che fornisce una adeguata somma di denaro per potersi pagare una baby sitter.

Risultato? Nella maggior parte dei casi, le famiglie italiane si sono rivolte proprio alla loro famiglia. I nonni, insomma, sono stati reclutati dietro lauto compenso, per fare da baby sitter autorizzati e ben pagati. Anche se, c’è da scommetterci, molti nonni avranno lasciato il bonus ai propri figli, pretendendo di esercitare, se cosi si può dire, gratis, il lavoro di nonni, e lasciare ai proprio parenti il prezioso bonus, che in ogni caso, non fa mai male.

LEGGI ANCHE >>> Bonus baby sitter, occhio alle novità: cosa c’è da sapere

LEGGI ANCHE >>> Bonus baby sitter anche per chi dipendenti pubblici e smart working?

Bonus baby sitter: quanti soldi sono circolati negli ultimi mesi

Secondo l’Inps in questa delicata fase sociale ed economica per il nostro paese su un totale di 556.348 mila baby sitter pagati attraverso il Libretto famiglia, istituito per l’occasione, circa 339.252 mila avevano superato al sogli dei 60 anni. Questo vuol dire con quasi assoluta certezza, che una bella fetta, parliamo del 61% di quei bonus, è rimasto, di fatto, in famiglia. In famiglia ci si è rivolti per risolvere il “problema” bambini da gestire, ed allora i nonni, sono corsi in aiuto di figli e nuore o figlie e generi, anche senza, per forza, approfittare del bonus.

Il bonus è stato richiesto da circa 720 mila persone: 621.654 mila facenti parte del settore privato autonomo, praticamente il doppio rispetto ai 310.142 che hanno richiesto il congedo Covid. E’ andata diversamente, invece, nel settore pubblico, che si è fermato a  99.657 mila richieste. Magari perchè si è approfittato di situazioni di estrema tutela nei confronti del dipendente? Che quindi ha tranquillamente approfittato della cosa per portare la situazione a suo assoluto vantaggio, chissà.