La lotteria degli scontrini è una delle grandi novità di questi ultimi mesi. Ma arriva una novità davvero molto importante: i dettagli.

 

(Fonte: Pixabay)

Lotteria degli scontrini. Questa è stata una delle tante misure adottate negli ultimi mesi. Una misura che ha senza alcun dubbio fatto discutere e chiacchierare. Ma ecco ci sono delle novità legate ai commercianti che devono ancora adeguarsi ad alcune disposizioni. Tutto infatti si lega a una proroga, l’ulteriore a dir la verità.

Infatti in molti devono adeguare il registratore di cassa. Ed ecco che, un provvedimento firmato dall’Agenzia delle entrate e datato 30 marzo, ha spostato il nuovo termine all’1 ottobre 2021. Una proroga che è stata dettata dalla situazione emergenziale dal punto di vista economico e fiscale. Un qualcosa che inevitabilmente legato alla situazione pandemica. Ma c’è qualche dettaglio in più da analizzare e da spiegare? Giusto entrare nel dettaglio.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Sondaggio: gli italiani preferiscono la lotteria scontrini o il cashback?

Lotteria degli scontri, novità legata ai registratori di cassa: ecco i dettagli

(Fonte: Pixabay)

In realtà va detto che è stata disposta una doppia proroga che non può certo passare inosservata. Entro il 30 settembre i produttori possono dichiarare la conformità delle specifiche tecniche di un modello che è stato anticipatamente già approvato dalle Agenzia delle Entrate. Il primo ottobre invece segnare il via e darà il là nuovo tracciato telematico dei dati dei corrispettivi giornalieri. Un qualcosa per cui, come detto, renderà necessario un adeguamento dei registratori telematici.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Lotteria scontrini, più vincite al nord rispetto al sud: qualcosa non va

Ma da che cosa è stata motivata questa proroga? In primis dalle richieste delle associazioni di categoria, che ormai da mesi chiedono di dare tregua agli esercenti in questo periodo di crisi. Una richiesta che, visto il periodo non poteva certo restare inascoltata. Il secondo motivo invece si lega al Decreto Sostegni. Quest’ultimo infatti ha prorogato i termini per la messa a disposizione ai soggetti IVA delle bozze dei registri, delle LIPE e della dichiarazione IVA. Dunque tutto si lega ad altri provvedimenti e finisce per far parte di un meccanismo ben più complesso e dettagliato.