Attenzione all’acquisto di auto usate: cosa bisogna sapere per difendersi dalle truffe

Bisogna avere particolare accortezza quando si acquista una macchina usata per non incorrere in qualche fregatura.

Didattica a distanza e smart working: perché vanno in disaccordo
Fonte foto: (Web)

Quando si deve acquistare un auto e non ci si può permettere di acquistarla nuova, si cerca sempre di trovarne una usata che sia nel miglior stato possibile di manutenzione.

Per questo esistono siti online appositi o anche rivenditori di macchine usate che possono fare al caso dell’acquirente.

Ma bisogna sempre stare attenti a ciò che si acquista! Infatti per le auto usate la situazione è sempre a dispetto dell’onestà del venditore.

Questo però non accade sempre e spesso un venditore di un auto usata cerca di effettuare più escamotage possibili per vendere al più alto prezzo un’auto anche in condizioni non ottimali.

LEGGI ANCHE >>> 1° marzo 2021: è arrivata la data tanto temuta dai debitori

LEGGI ANCHE >>> Pulire perfettamente lo schermo di cellulare e pc: come fare

Attenzione all’acquisto di auto usate: cosa bisogna sapere per tutelarsi, non bisogna sempre fidarsi

La prima cosa che c’è da capire è sicuramente riguardo il kilometraggio dell’auto: spesso infatti i venditori manomettono il contachilometri cosi da far risultare minori questi rispetto a quelli che sono realmente.

Per questo è sempre preferibile che la macchina venga sempre controllata prima dell’acquisto definitivo da un meccanico di fiducia.

Inoltre bisogna sempre controllare la revisione della macchina, che per legge deve essere effettuata ogni quattro anni e che certifica esattamente quale sia il chilometraggio dell’auto.

Inoltre si può richiedere una visura dell’autovettura al PRA, dove verranno fornite tutte le informazioni dall’immatricolazione sino all’ultimo proprietario.

La manomissione del contachilometri è punibile per legge, essendo un reato. con la responsabilità civile del caso e si può incorrere in pesanti sanzioni se scoperti.

Dal punto di vista penale invece, l’acquirente, se scoprirà successivamente all’acquisto che il contatore è stato manomesso, potrà denunciare il venditore per truffa.

Civilmente ci si può riferire all’Antitrust facendosi assistere dall’associazione al consumatore.