Rincari altissimi sul prezzo della benzina, quello del petrolio sale ancora e porta gli innalzamenti in doppia cifra

Petrolio in rialzo: ancora rincari shock per la benzina
Benzina (Fonte foto: web)

Il petrolio continua imperterrito a farla da padrone sui mercati finanziari, con la qualità americana che va verso quota 60 dollari al barile, mentre per quella europea bisogna parlare di almeno 65 dollari al barile. I rialzi sui prezzi raccomandati continuano ad arrivare e si fa sentire in casa Eni, dove da oggi il diesel aumenta di un centesimo. Ieri intanto, hanno chiuso in rialzo le quotazioni dei prodotti petroliferi in Mediterraneo.

Secondo la lavorazione dei dati di ieri, da parte di Quotidiano Energia, il prezzo medio nazionale praticato della benzina, in modalità self, è 1,510 euro al litro, dove per diversi marchi si viaggia tra 1,506 e 1,525 euro al litro. Il prezzo invece del diesel, sempre parlando di modalità self, è 1,383 euro/litro.

Leggi anche>>> Futuro senza smog per il Giappone: dal 2035 addio auto a benzina e diesel

Leggi anche>>> Furbetti del Cashback, ecco il “trucco” che mette in crisi i benzinai

Ancora rincari sulla benzina: la preoccupazione di Uecoop

Se parliamo di servito, il prezzo della benzina aumenta a 1,652 euro per litro, con i prezzi medi esposti dagli impianti colorati, che viaggiano tra 1,604 e 1,718 euro/litro (no logo 1,543). Mentre ancora tornando al diesel, la media è 1,529 euro al litro e con le maggiori compagnie che espongono dai 1,480 ai 1,595 euro/litro. Infine il Gpl, che oggi va da 0,633 a 0,654.

La vicenda, inizia a preoccupare Uecoop, l’Unione europea per le cooperative, che ha segnalato il balzo dei prezzi di benzina (+11,5%) e diesel (+12,3%), in soli sette giorni, trattando il tema come: “una notizia preoccupante per famiglie e aziende già alle prese con gli effetti sull’economia dell’emergenza Covid”. 

Secondo l’Unione europea delle cooperative: “con l’Italia che è nella top ten europea e mondiale per il costo più alto di benzina e diesel, la spesa per i carburanti segue sempre in maniera rapidissima l’aumento del prezzo mondiale del petrolio mentre non altrettanto velocemente retrocede quando le quotazioni dell’oro nero scendono”.