Chiede di lavorare in smart working: la reazione del direttore è scioccante

Il direttore di Confindustria Firenze sembra non aver preso bene la richiesta della sua segretaria di lavorare in smart working. Ecco cosa è successo

Smart working
Fonte: Pixabay

Chiedere di lavorare in modalità smart working è più che lecito in questo periodo. La maggior parte dei lavori d’ufficio, si può tranquillamente svolgere da casa in modo tale da evitare il rischio contagio agli impiegati.

A quanto pare però non tutti i direttori hanno ben digerito questa innovazione, che già prima dell’avvento della pandemia si stava radicando negli usi lavorativi del Bel Paese. Un episodio eclatante in questo senso è avvenuto in Toscana, dove il direttore di Confindustria Firenze Leonardo Bandinelli ha avuto una reazione piuttosto eccessiva alla richiesta della sua segretaria di poter lavorare presso la propria abitazione.

LEGGI ANCHE >>> Smart working: essere sempre reperibili nuoce gravemente alla salute

LEGGI ANCHE >>> Smart working, deroga al 31 marzo: poi cosa accadrà?

Richiesta di smart working respinta in malo modo: la versione del direttore

Stando a quanto riportato dal “Corriere della Sera” lo scorso 26 novembre l’uomo avrebbe lanciato il cellulare contro la donna in seguito alla discussione sulla possibilità di lavorare in smart working.

La donna colpita in volto dal dispositivo, ha deciso di sporgere denuncia rispetto a quanto accaduto, anche perché presta servizio presso l’azienda da ben 32 anni. Ad oggi è ancora in malattia dopo aver riportato delle lesioni alla faccia provocate dallo smartphone lanciato dal direttore.

Dopo aver provato a colpirla una prima volta ci è riuscito al secondo tentativo. Tornato in sé, ha compreso la gravità della situazione e ha aiutato la sua fedele dipendente portandola prima in farmacia e poi presso una clinica privata dove ha ricevuto le cure mediche del caso.

Bandinelli ha provato a giustificarsi raccontando al presidente di Confindustria che si è trattata di una circostanza accidentale e sfortunata. Almeno per ora non ci sono indagini sul caso. La decisione di avviare un procedimento spetta alla magistratura.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità e legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:


  1. Telegram - Gruppo base