La Lombardia lascia la zona rossa nella quale era stata inserita circa tre settimane fa. Rt nazionale a 1,08 e sotto l’1 in dieci Regioni ma i ricoveri sono ancora sopra le soglie. Anche Calabria e Piemonte in zona arancione. Liguria e Sicilia rientrano in zona gialla.

fontana
Fonte account ufficiale Facebook Attilio Fontana

Grazie ai sacrifici dei lombardi, apprezzati i dati epidemiologici, ora siamo in zona arancione e potremo riaprire gli esercizi commerciali. A breve la decisone del Governo“.

Questo il messaggio contenuto nel tweet ufficiale del Governatore della Lombardia Attilio Fontana sul suo profilo ufficiale Twitter confermando l’uscita del territorio dalla zona rossa, cosa avvenuta circa tre settimana fa, ed il rientro nella zona di rischio intermedio. Il presidente Fontana nelle scorse settimane anche in tv aveva confidato di essere ottimista circa un calo del valore di Rt e della curva dei contagi nel suo territorio anche grazie ad alcuni modelli prospettici degli esperti consulenti della Regione. A seguire la Lombardia in zona arancione anche la Calabria ed il Piemonte, mentre la Liguria e la Sicilia ritornano in zona arancione, è quanto si legge nell’ordinanza ufficiale del ministero della Salute.

LEGGI ANCHE >>> Allarme Covid, ricoveri giù per la prima volta in una Regione: si esce dalla zona rossa?

Allarme Covid, Rt nazionale pari a 1,08 e sotto l’1 in 10 Regioni

Covid medici
Fonte: Pixabay

Il nuovo monitoraggio dell’Istituto Superiore della Sanità e del Ministero della Salute evidenzia che l’Rt nazionale è pari all’1,08. In dieci regioni è addirittura sotto l’1 il che fa ben sperare in vista della prossimità delle festività natalizie. Questo l’elenco:

Abruzzo 1,06

Basilicata 1,21

Calabria 0,92

Campania 1

Emilia-Romagna 1,07

Friuli 1,09

Lazio 0,88

Liguria 0,76

Lombardia 1,17

Marche 0,93

Molise 1,17

Piemonte 0,89

Provincia di Bolzano 1

Provincia Trento 0,81

Puglia 0,99

Sardegna 0,71

Sicilia 1,04

Toscana 1,2

Umbria 0,74

Val d’Aosta 0,99

Desta ancora allarme invece il dato circa l’occupazione dei posti letto in terapia intensiva e nei reparti internistici, con un indicatore che resta alto ancora in molte Regioni.

LEGGI ANCHE >>> Incubo zona rossa: quali Regioni potrebbero rientrarvi a dicembre?