Nuovo Codice della Strada, multe ai pedoni: “non devono camminare così”

Il Codice della Strada introduce direttive più stringenti per i pedoni. Chi non rispetterà le regole verrà punito severamente.

Gli automobilisti non sono gli unici a dover temere pesanti sanzioni economiche. A rischio anche i pedoni che commettono alcune infrazioni.

codice della strada pedoni regole
Adobe Stock

Girare per le strade della città in macchina o a piedi fa poca differenza quando si tratta di rispettare le regole stabilite dalla normativa. Il Codice della Strada, infatti, disciplina e punisce sia gli automobilisti che i pedoni irrispettosi delle Legge. Il motivo di tanto rigore risiede nella volontà di mantenere il più alto livello di sicurezza per tutti i cittadini indipendentemente dal loro “ruolo” del momento. Al fine di far rispettare le norme vengono introdotte sanzioni di differente natura. Si va da una multa di pochi euro fino al ritiro del veicolo o all’arresto per alcuni provvedimenti nei confronti degli automobilisti ma non bisogna pensare che le sanzioni per i pedoni siano molto più leggere.

Codice della strada e pedoni, le direttive

Tra le numerose spese che le famiglie devono costantemente effettuare aggiungere una multa salata è un’azione da evitare. Alle tasse non ci si può sottrarre, il mutuo va pagato, la spesa alimentare va fatta ma una sanzione si può e si deve evitare. Basta conoscere la normativa per sapere cosa è consentito fare e cosa non lo è e tale affermazione non riguarda solamente gli automobilisti ma anche i pedoni.

Nel comma 10 dell’Articolo 190 del Codice della Strada si leggono gli obblighi per i pedoni a cui sono associate multe di importo variabile dai 26 ai 102 euro. Nello specifico la normativa stabilisce che i pedoni devono necessariamente transitare sui marciapiedi, sui viali e sulle banchine oppure negli appositi spazi predisposti. Nel caso in cui mancassero, risultassero ingombri, insufficienti o interrotti, i pedoni dovrebbero circolare sul margine della carreggiata opposto al senso di marcia dei veicoli al fine di causare il minor intralcio possibile alla circolazione.

Le direttive non finiscono più

Un’altra indicazione che i pedoni devono obbligatoriamente osservare secondo quanto stabilito dal Codice della Strada riguarda il transito fuori dai centri abitati. La norma determina che occorrerà camminare nel senso opposto a quello di marcia dei veicoli sulle carreggiate a due sensi di marcia e sul margine destro rispetto alla direzione di marcia dei veicoli quando si tratta di carreggiata a senso unico di circolazione.

Infine è norma conosciuta l’attraversamento della carreggiata avvalendosi delle strisce pedonali o dei sottopassaggi. In assenza delle misure occorrerà attraversare perpendicolarmente la strada prestando molta attenzione e con passo veloce in modo tale da creare il minor pericolo possibile per sé stessi e gli altri.