Digitale terrestre, lo strano caso dei canali scomparsi: ecco la soluzione

Digitale terrestre, i cittadini lamentano problemi dopo il passaggio al nuovo standard MPEG4. Scopriamo come risolvere il grattacapo dei canali scomparsi.

Gioie e dolori con il nuovo digitale terrestre. Se da una parte c’è chi gioisce per la migliore qualità di visione e i numerosi canali da vedere, dall’altra parte c’è chi lamenta la scomparsa di alcune emittenti televisive.

digitale terrestre
Adobe Stock

Lo scorso ottobre 2021 è stato avviato il refarming, un cambiamento di numerose frequenze TV per lasciare libere quelle destinate al 5G della telefonia. Seppur il termine inglese può causare qualche difficoltà di comprensione, per alcuni cittadini basterà accendere al televisione per capire la conseguenza da affrontare, la scomparsa dei canali preferiti. La rivoluzione in atto porta un cambiamento, una rivoluzione nel modo di guardare la televisione ma anche modifiche pratiche come quelle dei numeri da digitare sulla tastiera per vedere l’emittente ricercata. Per risolvere la problematica occorrerà ricercare i canali e creare una nuova lista posizionandoli secondo il proprio gradimento.

Digitale terrestre, come recuperare i canali scomparsi

Il refarming impone di ripartire da zero con una nuova programmazione dei canali e la memorizzazione dei numeri associati per poter trovare velocemente l’emittente di interesse. Il passaggio del digitale dallo standard MPEG 2 a MPEG 4 si è reso necessario con la rivoluzione tecnologica e la risintonizzazione è d’obbligo dopo lo spostamento delle frequenze delle emittenti. Ci vuole ancora un po’ di pazienza; dal mese di gennaio 2023 si dovrebbe cominciare a tornare ad una stabilità. Nel frattempo occorre adattarsi e procedere con la ricerca dei canali scomparsi.

Il passo più veloce è la risintonizzazione automatica da avviare accedendo al menu e cliccando sulla voce di riferimento. Vedrete che c’è anche l’opzione manuale ma si tratta di un procedimento più lungo sconsigliato a chi non è pratico di tecnologia. Un’informazione importante in relazione alla risintonizzazione automatica. È opportuno procedere con l’operazione durante le ore diurne e non di notte dato che serve il segnale alla massima potenza per concludere correttamente l’intero iter di ricerca dei canali.

Altre indicazioni sulla risintonizzazione

Per evitare di avere problemi durante la risintonizzazione automatica è opportuno verificare le condizioni del tempo. Una giornata soleggiata e senza vento è preferibile rispetto ad un cielo coperto o alla pioggia dato che il segnale risulterà più debole in questi ultimi casi. Il rischio è di non riuscire a rendere visibile proprio il canale di proprio interesse richiedendo, così, un’altra procedura ossia l’inserimento dei dati Mux del canale scomparso reperibili sul portale dell’emittente.

Pochi passi, dunque, per recuperare i canali scomparsi e iniziare una visione che, ricordiamo, grazie al nuovo digitale e, spesso, grazie al nuovo televisore acquistato con il Bonus TV per poter adeguarsi al nuovo standard (l’alternativa è un decoder compatibile) sarà migliore qualitativamente e più ricca di possibilità.