Bonus TV, risorse in esaurimento: la domanda va inoltrata subito

Il Bonus Tv verrà erogato fino ad esaurimento delle risorse. I tempi non sono lunghi, è meglio farne richiesta il prima possibile.

I 68 milioni di euro stanziati dalla Legge di Bilancio 2022 per il Bonus TV e Rottamazione potrebbero esaurirsi prima della fine dell’anno. Vale la pena attendere e perdere un’occasione di risparmio?

Bonus TV domanda
Adobe Stock

Il passaggio al nuovo digitale terrestre è iniziato ad ottobre 2021 e terminerà ad inizio 2023. Con il nuovo standard Mpeg 4 non sarà più possibile vedere i canali preferiti su vecchi televisori. Servono apparecchi di ultima generazione, le smart TV, per poter continuare a vedere i programmi in alta qualità. In alternativa è possibile conservare la TV in proprio possesso e acquistare un decoder compatibile. Indipendentemente dalla scelta, il cittadino dovrà mettere mano al portafoglio per comprare il decoder (a meno che non si appartenga ad una particolare fascia della popolazione che lo riceverà gratuitamente a casa) oppure un nuovo televisore. Il Governo ha attivato due diverse misure per ammortizzare la spesa delle famiglie, il Bonus TV e il Bonus Rottamazione. Per il 2022 ha previsto un rifinanziamento di 68 milioni di euro, a che punto sono le risorse?

Bonus TV e Rottamazione, le risorse disponibili

L’ultimo report del Ministero dello Sviluppo Economico dello scorso 8 aprile riporta una disponibilità di circa 90 milioni di euro per il Bonus TV e il Bonus Rottamazione TV. La richiesta dovrà avvenire entro il 31 dicembre 2022. Ad oggi gli incentivi erogati sono stati 1.209.147 per un totale di 48.057,442 euro.

Dal report ad oggi è passato un mese e, di conseguenza, le risorse potrebbero essere ulteriormente diminuite. E’ impossibile prevedere una tempistica precisa per la fine delle risorse disponibili ma è possibile ipotizzare che con l’ultimo switch off di inizio maggio tante persone si siano rese conto dell’urgenza di acquistare un nuovo televisore o un decoder per non avere problemi di visione. Al momento i canari Rai e Mediaset sono ancora visibili con lo standard Mpeg 2 seguendo la numerazione da 500 in poi ma entro la fine dell’anno questa possibilità svanirà. Si prevede, dunque, un’accelerata nelle richieste e, di conseguenza, anticipare i tempi è fondamentale per non rischiare di rimanere fuori dagli incentivi.

I dettagli delle misure

Per capire quale Bonus richiedere è bene conoscere i dettagli delle misure. Iniziamo con il Bonus TV, un incentivo dal valore massimo di 30 euro utilizzabile per comprare un decoder compatibile con il nuovo digitale oppure una tv di ultima generazione. La richiesta può partire dai nuclei familiari con ISEE inferiore a 20 mila euro.

L’alternativa è il Bonus Rottamazione che garantisce uno sconto del 20% per un massimo di 100 euro sull’acquisto di un televisore. Per richiederlo non è previsto ISEE, si potrà fare domanda direttamente nel punto vendita di riferimento ma per ottenerlo sarà necessario che il richiedente proceda con la rottamazione del vecchio apparecchio. A tal fine potrà consegnare la tv nel negozio del nuovo acquisto oppure potrà recarsi in un’isola ecologica facendosi consegnare un modulo che attesta l’avvenuta rottamazione da portare, poi, al rivenditore. Ricordiamo, infine, che il Bonus Rottamazione è richiedibile una sola volta a nucleo familiare.