Latte, i migliori marchi sul mercato senza antibiotici: ci sono sorprese

Latte senza antibiotici, quali sono i marchi migliori da acquistare al supermercato? La risposta riserverà alcune sorprese.

La salute è al primo posto dei pensieri degli italiani. La scelta del latte si rivela particolarmente importante essendo un alimento principalmente destinato ai più piccoli.

latte senza antibiotici
Pixabay

E’ diventata un’abitudine informarsi sulla reale qualità dei prodotti. La salute deve essere una priorità per le famiglie e conoscere gli alimenti che si portano in tavola è fondamentale per non metterla a rischio. Dopo i numerosi ritiri alimentari, l’allarme salmonella, l’allerta in relazione alla correlazione tra alcuni cibi e l’insorgenza del cancro, ci si domanda cos’altro dobbiamo aspettarci. Possiamo abbassare la guardia? La risposta è “no” perché anche i piccoli dettagli possono fare la differenza. Non serve che si tratti necessariamente di un batterio importante o di livelli esageratamente sopra la norma per mettere a rischio la salute. Diversi prodotti possono contenere sostanze non idonee ma che non comportano richiami come accade per alcune bottiglie di olio d’oliva. Oggi ci soffermeremo sul latte per capire quali marchi è preferibile acquistare.

Latte e antibiotici, l’indagine de Il Salvagente

Le mucche da lette vengono sottoposte a trattamenti farmacologici per poter migliorare le prestazioni e aumentare la produzione. Nell’esattezza, viene predisposta l’assunzione di antibiotici in modo tale da prevenire mastiti o infiammazioni che impedirebbero una continua e meccanica produzione di latte. Questi antibiotici finiscono, poi, nel prodotto che arriva al consumatore concretizzandosi in un reale pericolo per la salute.

L’allerta sanitaria è stata lanciata da medici di tutto il mondo. I cittadini non sono in grado di capire la qualità del latte dalla bottiglia in commercio. Inoltre la varietà dei marchi in circolazione crea confusione e una difficoltà della scelta finale. In più c’è la questione “prezzo” a determinare l’acquisto che non va sottovalutata soprattutto in un periodo in cui il risparmio è una priorità per tante famiglie. Ad aiutare i consumatori è intervenuta la rivista Il Salvagente con i risultati di un’indagine condotta su 21 tipi di latte italiano che si possono comprare nei grandi supermercati e nei discount.

La classifica finale

I risultati dell’indagine riporta una buona notizia. In alcuni prodotti in commercio non è stata rilevata la presenza di antibiotici sebbene, secondo la Legge, determinati livelli siano ammissibili. La classifica vede in testa il marchio Granarolo Latte intero UHT seguito da MILA senza lattosio UHT. Al terzo posto troviamo CANDIA Gran Latte UHT; seguono ARBOREA Latte intero UHT, STERILGARDA parzialmente scremato UHT, PARMALAT Bontà e Linea parzialmente scremato UHT, PARMALAT ZYMIL alta digeribilità magro UHT, TODIS Colle maggio fresco e SELEX alta qualità fresco.