Dolori alla schiena, l’INPS paga 290 euro: ecco in quali casi

L’INPS eroga 290 euro per i dolori alla schiena qualora si verifichino specifiche condizioni. Non conta l’età ma una certificazione; scopriamo i dettagli.

L’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale tutela i cittadini con difficoltà motorie erogando trattamenti economici. Chi ha mal di schiena può ottenere 290 euro ma solo in pochi casi.

dolori alla schiena INPS 290 euro
Adobe Stock

La Legge offre sostegno assistenziale ed economico ai cittadini con invalidità e con ridotte capacità lavorative. Il numero di agevolazioni previste dalla normativa ed erogate dall’INPS è elevato e riguardano diverse aree mediche. Dal diabete al mal di testa, dalle cardiopatie ai disturbi alla vista fino a condizioni di salute molto gravi con invalidità vicine al 100%. I dolori alla schiena possono provocare difficoltà nello svolgimento delle azioni quotidiane e, dunque, si potrebbe pensare che l’INPS eroghi un assegno per patologie legate a questa condizione. Ebbene, il caso è unico e riguarda una sola condizione.

Dolori alla schiena, quando si ha diritto all’assegno INPS

Tanti cittadini soffrono di discopatia, un’alterazione dello spessore oppure del posizionamento dei dischi intervertebrali. Si tratta di piccole strutture presenti tra le vertebre al fine di ammortizzare la sollecitazione provocata dai movimenti del corpo. La discopatia può avere diverse cause come incidenti, sedentarietà, invecchiamento oppure  un’attività fisica intensiva. Queste problematiche possono causare l’ernia al disco oppure le protrusioni. Nel primo caso viene lesionata l’ernia stessa e ciò provoca una fuoriuscita del nucleo polposo e, dunque, una compressione delle radici nervose con conseguente infiammazione e dolore.

Le protrusioni, invece, creano dolori intensi che si irradiano fino al nervo sciatico e al nervo crurale. In entrambi i casi, la discopatia può provocare dolori tali da impedire lo svolgimento di attività base della vita quotidiana. Attenzione, questa sola condizione di dolori alla schiena non è sufficiente per ottenere l’erogazione di 290 euro da parte dell’INPS.

La certificazione per ottenere 290 euro

L’INPS ha una lista di patologie che prevedono l’erogazione di assegni di invalidità e altre agevolazioni economiche. La discopatia non è presente nell’elenco, non quando si tratta solamente di dolori alla schiena. E’ possibile ottenere 290 euro a condizione che la malattia sia grave e comporti un’operazione chirurgica. La patologia che interessa le vertebre lombari e che potrebbe essere inquadrata come anchilosi della colonna lombare ha una percentuale di invalidità valutabile del 40%. Si potrebbe raggiungere una percentuale maggiore se si è in presenza di altre gravi patologie che aumenterebbero il grado di invalidità.

In tal caso, per ottenere l’erogazione della cifra spettante occorrerà presentare all’INPS tutta la certificazione attestante l’invalidità e sarà necessario superare la visita medica con una commissione dell’ente che determinerà il grado di invalidità da assegnare. Da questo dipenderà l’accesso alla prestazione economica.