Inps, disturbi della vista: chi ha diritto ad un assegno fino a 946 euro al mese

Occhio ai disturbi della vista, c’è infatti chi ha diritto ad ottenere un assegno fino a 946 euro al mese. Ecco cosa c’è da sapere in merito.

Attenzione, in presenza di disturbi della vista importanti si ha diritto a richiedere e ottenere un assegno fino a 946 euro al mese.

disturbi vista assegno
Foto © AdobeStock

A partire dal lavoro, passando per la famiglia, fino ad arrivare alle varie necessità quotidiane, sono tante le cose con cui ci ritroviamo a dover fare i conti. Non crea stupore pertanto il fatto che si rischi di perdersi nei meandri burocratici, tanto da non sapere di avere diritto, ad esempio, ad alcune agevolazioni.

Ebbene, proprio in tale ambito è bene sapere che in presenza di alcuni disturbi della vista è possibile richiedere e ottenere un assegno fino a 946 euro al mese oltre che beneficiare di altre agevolazioni di vario tipo. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

Inps, disturbi della vista: chi ha diritto all’indennità di accompagnamento

Abbiamo già avuto modo di vedere che vi sono delle malattie riconosciute dall’Inps per cui chi ne soffre ha diritto a un assegno mensile. Sempre in tale ambito si invita a non sottovalutare nemmeno i disturbi della vista. Vi sono, infatti, alcune circostanze in cui tali problemi possono portare con loro complicazioni o difficoltà gravi.

In alcuni casi possono rivelarsi, ad esempio, essere la causa di vari disturbi, quali vertigini oppure problemi di equilibrio. A tal proposito, pertanto, interesserà sapere che è possibile beneficiare, in determinati casi, di particolari agevolazioni grazie alla Legge 104, ma non solo. Vi sono alcuni disturbi legati alla vista che, come è possibile riscontare dalle apposite tabelle ministeriali, vengono considerate patologie invalidanti.

I problemi alla vista, a differenza di quanto si possa pensare, non riguardano solo i soggetti più anziani, ma anche i giovani. Per questo motivo è bene sapere che, in base a quanto si evince da InformazioneOggi, i soggetti interessati possono beneficiare di diverse agevolazioni sia economiche che previdenziali.

Ad esempio in determinati casi si ha diritto all’esenzione dal pagamento dei farmaci. In particolare, in caso di cecità è possibile ottenere l’esenzione del Ticket sanitario per farmaci in classe “A”, ma anche l’esenzione dal pagamento di prestazioni specialistiche, strumentali e di laboratorio.

Ma non solo, nel corso del 2022 i ciechi parziali hanno diritto ad un’indennità speciale di importo pari a 215,35 euro al mese, a prescindere dal proprio reddito. L’assegno per gli ipovedenti gravi, invece, è di 216,49 euro al mese, purché che il reddito personale non superi 8.197,39 di euro. I ciechi assoluti, inoltre, hanno diritto ad un’indennità di accompagnamento pari a 946,80 euro al mese, anche quest’ultima a prescindere dal reddito del soggetto interessato.