Pensioni Poste Italiane, pagamento di aprile: il calendario aggiornato

Le pensioni di Poste Italiane del mese di aprile quando verranno pagate? Scopriamo il calendario aggiornato mentre si attendono ancora i pagamenti del mese di marzo.

Poste Italiane organizza i prossimi pagamenti delle pensioni. Approfondiamo date e modalità di pagamento per capire cosa cambierà.

pensioni Poste Italiane
Adobe Stock

I pagamenti degli assegni pensionistici da parte di Poste Italiane sono già in atto per il mese di marzo. Fino al giorno 1 del mese entrante, infatti, i pensionati potranno recarsi presso un Ufficio Postale e ritirare la somma spettante. La modalità di ritiro rimane quella stabilita durante tutto il periodo della pandemia. In base alla lettera iniziale del proprio cognome sarà necessario recarsi alle Poste in un giorno specifico per evitare assembramenti. In più ricordiamo l’obbligo di Green Pass per poter entrare in un Ufficio Postale secondo quanto stabilito dalle ultime direttive del Governo volte a contrastare l’aumento dei contagi da Covid 19 che, fortunatamente, si sta riducendo nuovamente. Tutto questo cambierà con la fine dello stato di emergenza prevista per il giorno 31 marzo 2022?

Pensioni sociali, brutta sorpresa per tanti cittadini: purtroppo l’INPS lo farà…

Pensioni, cosa accadrà ad aprile

Il 31 marzo 2022 si porrà fine allo stato di emergenza legato alla pandemia e con molto probabilità non verrà prorogato. Di conseguenza dovremo aspettarci diversi cambiamenti su più fronti, primo tra tutti il ritiro delle pensioni. L’idea è che il mese di aprile sarà l’ultimo in cui sarà previsto l’anticipo dell’erogazione dell’importo secondo le modalità previste in relazione alla diffusione del Covid 19.

Pensione, come uscire dal lavoro prima dei 60 anni: basta una dichiarazione

I pensionati, dunque, dovranno recarsi a turni nei giorni finali di marzo e ad inizio aprile per ritirare la pensione ma sarà l’ultima volta che dovranno procedere in tal senso. Dal mese di maggio assisteremo con molta probabilità all’addio della turnazione. Non è da escludere, però, un rinvio della decisione se la curva dei contagi non mostrerà un andamento positivo. La fine della pandemia, infatti, non si concluderà certo il 31 marzo e alcune misure potrebbero rimanere attive per impedire una nuova ondata.

Modalità di ritiro dal mese di aprile

A breve si avranno tutte le indicazioni ufficiali sulle modalità di ritiro delle pensioni dal mese di aprile in poi. Le decisioni saranno legate all’andamento dei contagi e gli scenari ipotizzabili sono diversi. Al momento ricordiamo che la turnazione è legata all’iniziale del cognome. Oggi 28 febbraio 2022, ad esempio, potranno recarsi in Posta e ritirare l’importo spettante i pensionati con il cognome dalla lettera P alla R. Domani 1° marzo, poi, sarà la volta dei pensionati con lettere dalla S alla Z.

I percettori dell’assegno pensionistico che hanno scelto la modalità di accredito postale o bancario, invece, non dovranno fare file né recarsi in un Ufficio Postale dato che l’importo verrà erogato automaticamente sul conto corrente.