Pensioni sociali, brutta sorpresa per tanti cittadini: purtroppo l’INPS lo farà…

L’INPS è pronto ad abbassare l’importo delle pensioni sociali di tanti cittadini. Tra pochi mesi l’assegno potrebbe cambiare e ridursi a causa di sopraggiunte nuove condizioni. 

L’assegno pensionistico sociale potrebbe avere a breve un importo differente. Scopriamo chi subirà le conseguenze peggiori.

pensioni sociali
Adobe Stock

Ogni mese tanti cittadini percepiscono la pensione sociale, un assegno sempre dello stesso importo che arriva per sostenere economicamente le categorie più deboli. Ebbene, presto arriveranno brutte sorprese per molti percettori. L’importo verrà ridotto a causa di alcune trattenute oppure per la decadenza di specifici requisiti. In altri casi, invece, si noterà con piacere un aumento della pensione per l’arrivo di arretrati oppure per l’adeguamento al costo della vita. Casi diversi, dunque, ma scopriamo che subirà le conseguenze peggiori.

Pensione e reddito di cittadinanza, controllate il saldo: è in arrivo una gradita sorpresa

Pensioni sociali al ribasso, per chi?

L’INPS si troverà nei prossimi mesi a ridurre gli importi della pensione sociale di tanti cittadini. Si pensa addirittura che potrebbe saltare il pagamento di più mensilità – da due a sei. In alternativa si potrebbero ricevere assegni dagli importi differenti ma in tanti altri casi si ridurrà definitivamente la somma erogata. Il riferimento è a tutti i percettori che supereranno la soglia reddituale prevista per l’erogazione della prestazione. Tale superamento del limite potrebbe essere dovuto all’accumulo di più trattamenti previdenziali pensionistici. Di conseguenza, a subire le conseguenze peggiori saranno coloro che versano in precarie condizioni economiche.

Invalidità INPS 2022: la percentuale che dà diritto alla pensione e all’esenzione ticket

L’assegno sociale, nello specifico, viene erogato a cittadini italiani o extracomunitari con redditi molto bassi. La situazione reddituale e patrimoniale determinerà l’importo spettante ovvero comporterà l’erogazione della cifra totale oppure parziale garantita dalla prestazione.

Attenzione ai dettagli

Le persone prive di reddito ricevono l’assegno in misura intera mentre chi ha un reddito ma inferiore rispetto ai limiti previsti dal Governo riceverà la pensione sociale in misura parziale. Attenzione ad un particolare fondamentale. Nel momento in cui il coniuge del titolare dell’assegno dovesse decedere l’importo dell’assegno potrebbe variare. La causa sta nel diritto alla pensione di reversibilità del vedovo/vedova. Tale prestazione andrebbe a sommarsi alla pensione sociale e il limite potrebbe essere superato. Dato che l’assegno sociale è di 460,10 euro per un totale annuo massimo di 6.085,3 euro si stima che con un ammontare della reversibilità inferiore alla suddetta cifra si continuerà a percepire la pensione sociale ma con importo ridotto.

Tutte le persone che nei prossimi mesi riceveranno la pensione di reversibilità, dunque, potrebbero notare un importo differente sull’assegno sociale in base al calcolo della differenza tra ammontare annuale dell’assegno sociale e ammontare annuale del reddito annuale.