Digitale terrestre, occhio alla scritta, non è un errore: cosa sta succedendo

Occhio alla scritta che sta comparendo in questi giorni sul digitale terrestre, non è un errore! Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

In un mondo sempre più all’insegna della tecnologia come quello attuale, non crea stupore il fatto che si registri un utilizzo sempre più massiccio dei vari dispositivi tecnologici.

digitale terrestre scritta
Foto © AdobeStock

Tra questi si annovera senz’ombra di dubbio la televisione che è ormai presente in quasi tutte le abitazioni. Il motivo è facile da rinvenire nel fatto che si tratti di un mezzo di comunicazione che ci permette di attingere in modo facile e veloce a vari tipi di informazioni. A partire da quelle di intrattenimento fino ad arrivare alle notizie di attualità, in effetti, abbiamo solamente l’imbarazzo della scelta.

Non stupisce, quindi, che in molti siano interessati alle varie novità che riguardano proprio la televisione, come ad esempio l’importante cambiamento di cui è al momento protagonista, per via del passaggio al nuovo digitale terrestre. Una novità che non passa di certo inosservata, con molti che continuano ad avere dei dubbi.

Quest’ultimi alimentati da una scritta che sta comparendo in questi giorni proprio su molti schermi televisivi. Ebbene, bisogna sapere che non si tratta di un errore, bensì di un avviso. Ma di cosa si tratta? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa sta succedendo.

Digitale terrestre, non gettate il vostro vecchio televisore: ecco perché

Digitale terrestre, occhio alla scritta: tutto quello che c’è da sapere

Come noto è già iniziato il graduale passaggio al nuovo digitale terrestre. Una rivoluzione indubbiamente importante, grazie alla quale si assisterà al passaggio dall’attuale standard di codifica MPEG-2 all’MPEG-4, ovvero quello che a oggi viene usato per i canali HD. Il nuovo standard DVB-T2, quindi, consentirà di vedere tutti i canali TV gratuiti fino a 4K Ultra HD.

Ebbene, proprio soffermandosi sul digitale terreste, sta comparendo in questi giorni, in alcune aree geografiche, la scritta “canale provvisorio“. A differenza di quanto molti possono pensare, però, non si tratta di un errore, bensì semplicemente di un avviso. Ma cosa sta ad indicare?

Innanzitutto è bene sottolineare che se appare questa scritta non bisogna cambiare il proprio televisore. Semplicemente avverte che è in corso il passaggio da una frequenza all’altra. Si chiama refarming e indica proprio il processo di riposizionamento delle emittenti televisive sulla nuova banda. Ne consegue, pertanto, che non bisogna temere in alcun modo la scritta in questione.

Bisogna infatti attendere solamente che termini il passaggio al nuovo digitale terrestre per poter continuare a guardare tranquillamente i vari canali. Durante la fase di passaggio, infatti, può capitare di imbattersi in due canali gemelli. In questo caso verrà spento quello che al momento viene definito provvisorio.

Digitale terrestre, attenzione: ecco il calendario del refarming

Come già detto è iniziato il graduale passaggio al nuovo digitale terrestre. Una vera e propria rivoluzione con il calendario del refarming che, in base a quanto si evince dal sito del Mise, è il seguente:

  • Area1a, quindi in Sardegna, dal 15 novembre 2021 al 18 dicembre 2021.
  • Area 2, ovvero Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia (tranne la provincia di Mantova), provincia di Piacenza, provincia di Trento, provincia di Bolzano, dal 3 gennaio 2022 al 9 marzo 2022;
  • Area 3, quindi Veneto, provincia di Mantova, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna (tranne la provincia di Piacenza), dal 9 febbraio 2022 al 14 marzo 2022;
  • Area 4, ovvero Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata, Abruzzo, Molise, Marche, dal 1° marzo 2022 al 15 maggio 2022;
  • Area 1b, ovvero Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania, dal 1° maggio 2022 al 30 giugno 2022.

Bonus TV, controllate se si vede il canale 100: tutto quello che c’è da sapere 

Manca poco, quindi, al passaggio definitivo al nuovo digitale terrestre che, a quanto pare, contribuirà a rendere la qualità dei canali migliori.